Perle agli umani

24/2/13 – “Randagi, storie di uomini e animali”, di Andrea Cisternino

“RANDAGI, STORIE DI UOMINI E ANIMALI” libro di fotografie di Andrea Cisternino

andrea cisternino videoblogA Scarperia, venerdì 15 febbraio, durante una bella serata organizzata dall’Associazione “Vivi e Vegeti, vegetariani animalisti del Mugello”, abbiamo intervistato Andrea Cisternino con il quale abbiamo commentato il libro RANDAGI, STORIE DI UOMINI E ANIMALI.

Andrea Cisternino è il fotografo di moda trasferitosi in Ucraina che ha denunciato e fatto conoscere al mondo le stragi di cani randagi che il governo Ucraino assieme alla UEFA hanno organizzato in occasione degli Europei di calcio 2012 quando  le città dovevano mostrare il loro volto “pulito” ai tifosi e agli spettatori TV.
Il libro RANDAGI è un documento bello e doloroso di fotografie scattate prima delle terribili stragi del 2012 delle quali è rimasto vittima anche Cucciolo il cane di Andrea, morte che ha fatto scattare in lui la rabbia e la motivazione giusta per indagare andando fino in fondo nel fare i nomi e nell’assegnare le responsabilità materiali e politiche di tali stragi.


Il libro ritrae animali umani e non nella difficoltà di una vita randagia di strada. L’obiettivo viene puntato su homeless, poveri, uomini e donne senza fissa dimora, anziani soli, ma anche branchi e singoli individui cani, impegnati a cavarsela alle temperature rigide dell’inverno ucraino, con le tecniche di sopravvivenza che reciprocamente si insegnano e si imparano quando si affronta quel livello di difficoltà nel quotidiano.
Durante l’intervista che abbiamo fatto ad Andrea, abbiamo saputo che i senza fissa dimora rovistano assieme ai cani nei cassonetti e poi lasciano che siano i cani a mangiare per primi, per un senso di solidarietà che qui oggi sembra perduto, ma anche perché la convivenza stretta è utile per entrambi, se il calore del corpo di un cane accoccolato accanto a te può essere decisivo e salvarti dall’assideramento.
A coronamento di anni di dolore e di fatiche oggi Andrea Cisternino si sta impegnando, assieme a tanti volontari di strada Ucraini, nella costruzione di un’area dedicata ai cani in Ucraina. Si chiamerà Rifugio Italia e sarà un grande spazio libero e protetto suddiviso in zone dove trasferire i randagi e dove farli vivere al sicuro, riparati dalle azioni spregevoli dei dog hunter e delle istituzioni che oggi indicono bandi pubblici per l’eliminazione fisica dei cani. Raccogliere fondi per tale progetto è di vitale importanza per il suo successo.

 

Ecco come fare per dare una mano:
il sito internet di Andrea
La sua pagina facebook
Per ordinare il libro RANDAGI
Qui per le donazioni
Davide Battistini nel suo blog SCATENAREDIRITTI ha lanciato la proposta di un viaggio estivo in Ucraina per dare una mano ad Andrea Cisternino nella costruzione del Rifugio Italia. Chi fosse interessato può trovare tutte le info qui

Discussion

2 Responses to “24/2/13 – “Randagi, storie di uomini e animali”, di Andrea Cisternino”

  1. non riesco a comprare il libro, chi mi può aiutare?

    Posted by Lorianne Corno | 28 maggio 2015, 19:34

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: In fiamme il rifugio a Kiev di Andrea Cisternino, 75 cani uccisi / COME AIUTARLO | RESTIAMO ANIMALI - 7 luglio 2016

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close