Chi siamo

Camilla Lattanzi

CamillaHa scritto su Altracittà giornale di periferia di Firenze, Altreconomia, AAM Terranuova. È autrice e conduttrice delle trasmissioni radiofoniche “Questione di stili” e “Restiamo animali” (Controradio di Firenze, Radio Città del Capo di Bologna). Fa parte della giuria del premio giornalistico “Questione di stili” dedicato alla memoria di Sabrina Sganga. Da 15 anni organizza a Firenze incontri pubblici per promuovere consumo critico, antirazzismo, nonviolenza e la nuova cultura antispecista. Ha pubblicato l’e-book “Il vero volto della caccia” (Terra Nuova editore)

 

Francesca De Matteis

dematteisVaresotta ma trasferita a Roma dal 2012 per lavoro. Ecologista ma soprattutto attivista per i diritti degli animali. L’incontro con Chicco, meticcio tanto elegante quanto testardo e dagli occhi più furbi dei miei, mi ha cambiato e stravolto (per fortuna) la vita. Come sento dire spesso, grazie a lui “ho fatto il collegamento”. È vero, improvvisamente si è accesa una lampadina nella mia mente e la mia vita non è stata più la stessa. Completamente dipendente dalla musica e dalla radio; credo nella forza e nella necessità dell’informazione, della divulgazione e della sensibilizzazione e sono convinta che un giorno un mondo più giusto ed etico esisterà. Sognatrice? Può essere, ma dove saremmo senza i sogni?

 

Gabriele Palloni (detto Gabs)

GabsGenerazione del ’68, nato e cresciuto a Firenze (anzi per i primi 18 anni a Tavarnuzze). Vegetariano dal 1987 e vegano da poco più di due anni. Attivista Umanista da un paio di lustri, impegnato politicamente e socialmente a favore della Nonviolenza attiva In tutto questo guazzabuglio Chef da circa 30 anni e ristoratore vegan in cerca di location per CibariusPer me cucinare è alchimia, creatività; in cucina bisogna disubbidire, inventare, liberare la fantasia e sperimentare. Basterà riscoprire il piacere di passare del tempo tra i fornelli e tentare l’autoproduzione piuttosto che svaligiare il reparto surgelati del supermercato?

 

Giuseppe Coco
Saltuario ospite della trasmissione “Questione di Stili“; quotidianamente, data la mia professione, mi occupo di accudire gli altri. Per passione mi dedico alla cucina e approfondisco il tema dell’alimentazione. Incontrare il Buddismo e la Medicina Tradizionale TIbetana mi ha sensibilizzato ulteriormente ai principi di interdipendenza e compassione conducendomi al desiderio di abbracciare uno stile di vita vegano. Spontaneamente e in modo progressivo sono arrivato a una scelta alimentare etica, non violenta, sana e gustosa basata sui principi della dietetica tibeto-vegan o Karse Rigpa.

 

Lorenzo Guadagnucci

20150618_101124 (1)

Di mestiere faccio il giornalista ma sono anche un attivista e ho contribuito a fondare il Comitato Verità e Giustizia per Genova, nato dopo una brutta esperienza personale al G8 di Genova del 2001, e il gruppo Giornalisti contro il razzismo, nato per contrastare – almeno un po’ – la discriminazione a mezzo stampa praticata in questi anni. A suo tempo sono stato obiettore di coscienza al servizio militare; sono vegetariano da oltre 25 anni (ora non mangio più nemmeno latte e uova), e cerco d’essere amico della nonviolenza. Lottando per la tutela dei diritti umani e civili, credo di aver capito che occorre andare davvero a fondo e riconoscere che l’oppressione e l’autoritarismo prosperano perché viviamo in una società del dominio, le cui vittime più naturali sono gli animali non umani, sottoposti a uno sfruttamento crudele e totalitario. Perciò mi sono convinto che la liberazione umana e la liberazione animale sono due aspetti di una stessa causa.

Roberta Marino

IMG_7503Il mio “primo approccio” con la radio è iniziato anni fa collaborando con la redazione di Radio Popolare di Milano per il giornale radiofonico. La mia passione per la causa e la lotta antispecista, invece, è nata molto prima: vegetariana dall’epoca dell’Università, volontaria in canili e associazioni (e ora alla Collina dei conigli), sono approdata al veganismo quando ho visto con i miei occhi le condizioni terribili di allevamento (biologico!) di bufali per la produzione di mozzarella. E da lì non sono più tornata indietro: anzi. Sulla mia strada ho avuto la fortuna di incontrare attivisti con i quali ho partecipato a campagne contro vivisezione, pellicce, carne, caccia… e poi di conoscere Camilla e Lorenzo, pionieri di una trasmissione unica nella quale le mie due passioni, radio e animali, si uniscono armoniosamente. Prima di allora, però, in questo viaggio è arrivata anche Agata, la mia meravigliosa creatura (vegan dalla pancia), la mia speranza per un futuro di pace tra le varie specie della Terra.

 

Zenone Sovilla

zenBelluno, 1964. Ha lavorato in Italia e all’estero occupandosi anche di ecologia, movimenti popolari, nuovi media e nuove tecnologie. È redattore del quotidiano l’Adige di Trento. Fra le sue attività di volontariato giornalistico figurano anche i siti web nonluoghi.info e bellunopop.it e la rubrica radiofonica Voci dalle Dolomiti a Radio Cooperativa.

 

 

SONO STATI CON NOI:

Ilaria Beretta

cinghy e ila-2A 16 anni ho incontrato per la prima volta una mucca in un cimitero etrusco, i suoi occhi avevano paura di me ma erano anche miti, molto scuri e belli. Non ho più mangiato carne di animali. Sono stata vegana senza saperlo per tanti anni ma solo dal 2012 ho preso consapevolezza profonda di tutti i processi che ci fanno camminare, vivere e respirare praticamente su un ben alimentato lago di sangue, quello dei nostri amici animali. Fin qui ho accudito e curato centinaia di gatti, ho conosciuto tra loro personalità le più varie, alcune non avevano nulla da invidiare a filosofi e pensatori sia occidentali che orientali. Sono stata un’appassionata subacquea, se m’immergevo vedevo ogni sorta di abitanti del mare, se scendevano gli altri non incontravano neppure uno spirografo; ai miei compagni stupiti dicevo che non mangiare altre vite ci fa emanare un codice di pace che gli altri animali sentono e comprendono. Ho lavorato per 11 anni a Radio Rai, ma questa è la prima volta che le voci animali e umane s’intrecciano alla pari, senza interessi scientifici o altre scuse da dominatori: solo il piacere di stare insieme e di fare qualcosa per loro.

 

Valentina Reggioli
Compagna umana di un bipede che tenta con me di praticare il boicottaggio selvaggio verso qualsiasi forma di sfruttamento e di 3 (per il momento) cani fieramente meticci o fuori standard. Antispecista per assoluta certezza, laureata in Fisica e specializzanda in Fisica Medica a Firenze. Vegetariana da una vita, vegana da un paio di anni. Volontaria al Canile del Termine dal 2004 e attivista per i diritti degli animali (umani e non) da sempre. Piena di buona volontà in cucina,ma non troppo talentuosa (per fortuna c’è il bipede) sogno una casa in mezzo ai boschi, con un campo dove praticare l’autoproduzione, unica vera forma di boicottaggio. Contralto basso, per diletto, in un coro e in una doccia. Leggo voracemente gli scrittori intelligenti e bastardi, tipo Benni e Palaniuk. Mi piacerebbe saper “menare le mani” con chi è in disaccordo con me, ma a quanto pare sono incapace di nuocere. Credo molto nella divulgazione nelle scuole anche se la pazienza, ecco… non è il mio forte. Non riesco mai a star ferma, il mio elemento è il caos e per ogni cosa ho un sistema tutto mio. Diciamo così.

Elisa Moretti
Ligure di nascita, torinese di adozione, trasferita a Firenze da agosto 2011, mi sento più che altro cittadina del mondo. Sono diventata vegetariana nel 2000 per motivi ambientali e di sostenibilità, maturando poi una sensibilità animalista e antispecista che mi ha portata alla scelta vegana. Ho lavorato per Radio Flash di Torino, conducendo anche una trasmissione sull’animalismo, “Animal House“. Mamma di Valerio, dall’inizio della gravidanza (che non ha cambiato il mio stile di vita e di alimentazione) racconto i fatti miei sul blog http://mammavegana.blogspot.com/

 

Sara Razzoli
Sono una piccola donna che abita in Emilia, precisamente a Correggio, nel paese di Ligabue (ma non chiedetemi di lui, non lo conosco!). Vegana, taoista, femminista, igenista e bassista, di mestiere sono una grafica pubblicitaria, e assistente fotografa. Ho un piccolo blog, dove racconto i miei esperimenti culinari e quello che di bello mi succede nella vita,  http://straightedgefam.blogspot.it/. I miei grandi amori sono mio marito, la  nostra micia Dori, i film con Johnny Deep e la zucca.

 

Massimo Chiari
Di mestiere faccio il fisico presso un ente di ricerca, occupandomi di applicazioni di tecniche nucleari con acceleratori allo studio di problemi legati all’inquinamento atmosferico e ai beni culturali. Negli anni ’90 sono stato attivo sulla scena musicale fiorentina (e non solo) con il gruppo di rock e poesia EMME. Appassionato da sempre di giochi da tavolo e di ruolo, ho collaborato come traduttore per varie case editrici italiane e ho pubblicato articoli su riviste ludiche.
Vegetariano ormai da tempo, da circa un anno ho abbracciato la scelta vegan e antispecista in generale Mi batto perchè la scelta alimentare vegana sia possibile in feste popolari, congressi e mense.

 

Alessandra Giannini
Fiorentina campanilista nel senso buono del termine, pacifista ma non pacifica. Sono vegetariana da sempre e attualmente vegana. Sono un tecnico elettronico specializzato in dispositivi per lo Spazio ma il precariato mi ha fatto cadere in disuso. Mi appassionano la tecnologia, il cinema e l’alta cucina vegana. Colleziono oggetti da chef e ho iniziato un corso di tip tap nella speranza di poter riballare “Puttin’ on the Ritz” di Frankenstein Junior, ovviamente nella parte del mostro. Volontaria perenne nelle cucine che ospitano cene di beneficenza. Antifascista dalla nascita.

 

Beatrice Montini
La mia citazione preferita è “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo” (Gandhi). Di lavoro faccio la giornalista e sono tra i co-fondatori di “Giornalisti contro il razzismo”. Proprio l’impegno contro la xenofobia e le discriminazioni mi ha portato a scoprire l’antispecismo. La prima volta che ho letto questa parola è stato in un volantino distribuito alla “Sagra del seitan”, circa tre anni fa. Mi ha incuriosito e ho iniziato ad approfondire l’argomento. Sono diventata prima vegetariana e poi vegana. Per me è un altro modo per contribuire a costruire una società dove si rispettino le differenze e dove gli individui non siano trasformati in “oggetti”: in “carne” da mangiare o in macchine da lavoro.

 

Francesco Azzurri

restToscano di Firenze, ho maturato dal 2004 la decisione e convinzione di divenire vegetariano (tendente al veganesimo). Mi sono affacciato a questa salutare abitudine di vita grazie inizialmente ad un provocatorio libriccino dal titolo “Quattro sberle in padella”, senza immaginare che quel libro avrebbe tracciato la partenza di un tragitto. Prendendo consapevolezza, lentamente, ma inesorabilmente, sono diventato sempre più attento alla prima palestra e medicina che ognuno di noi dispone, l’alimentazione. Tutto questo naturalmente senza dimenticare l’attenzione e l’empatia che provo per tutti gli animali. Parte di questo percorso mi ha portato a conoscere e condividere gli interessi con lo staff di Restiamo Animali, all’interno del quale metto a frutto le mie conoscenze informatiche, curando i montaggi musicali e video.

Discussion

7 Responses to “Chi siamo”

  1. Non sono vegetariano ma sono d’accordo con tutto quello che dite e stimo quello che fate.

    Posted by Germain Lacroix | 17 maggio 2012, 21:17
  2. Ho avuto la fortuna di dividere casa, per un periodo della mia vita, con il vostro Giuseppe e confermo la sua passione per uno stile di vita vegano (come dimenticare i suoi manicaretti a base di sole verdure e cereali che trovavo la sera tornando da lavoro), il suo rispetto per ogni creatura vivente (compreso il sottoscritto) e il suo impegno nell’affermare i diritti di ciascuno. Per me Giuseppe, oltre che un amico, ha rappresentato, come direbbe qualcun altro, quello shock addizionale di cui tutti, prima o poi, avremmo bisogno e anche se ormai sono passati diversi anni lo considero ancora un punto di riferimento, una preziosa fonte. Ho scoperto il vostro blog grazie a lui e anche se non sono vegetariano al 100%, vorrei trovare il “coraggio” per fare una scelta definitiva, sapendo che non potrei che averne giovamento interiore. Vi invidio molto (a Giuseppe invidio pure l’angelo che era appeso in camera sua)! Spero di imparare dalle vostre “puntate” a rispettare di più gli animali e me stesso. Grazie!

    Posted by Lorenzo | 21 maggio 2012, 13:56
  3. Se ce ne fosse di piu’ di gente come voi il mondo sarebbe meno schifoso!

    Posted by Laura | 15 agosto 2013, 04:41
  4. siete mitici,nel mondo ci vorrebbero altre persone come voi. massimo rispetto

    Posted by Lorianne | 28 maggio 2015, 19:40
  5. Voglio farvi i complimenti per quello che fate.
    Grazie per come riuscite a approfondire gli argomenti.
    Cerco di far conoscere ai miei amici il vostro
    interessantissimo blog.
    Tutti doverbbero leggervi

    Marta

    Posted by Marta | 13 ottobre 2015, 17:25

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: quotidiano sostenibile » Blog Archive » Restiamo Animali - 28 gennaio 2013

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

PD = Proteine Disumane

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close