Animal House

28/10/12 – Save the Dogs chiede sostegno

Sara Turetta faceva la pubblicitaria a Milano. Volontaria in un canile, fu colpita dalla notizia dello sterminio dei randagi per le strade di Bucarest. Partì per portare aiuti e da allora la sua vita si è completamente trasformata: ha lasciato Milano e il suo lavoro e ha lavorato duramente in modo stabile a Bucarest fino a fondare l’associazione Save the dogs presente in Romania con cliniche mobili e un imponente numero di addetti e volontari che nutrono e salvano i cani randagi, li fanno adottare, li curano e li sterilizzano se malati.

Oltre ai cani Save the dogssi prende cura di cavalli e asini. Tutto questo ha un costo imponente, più di 40.000 Euro al mese, interamente coperti da sponsor e cittadini italiani che conoscono e appoggiano il progetto. Recentemente Sara ha inaugurato “Footprints of joy” un rifugio modello a norma europea per accogliere e curare cani randagi.  Qui le immagini dell’inaugurazione

In tempi di crisi c’è il serio rischio che una flessione dei contributi ridimensioni il progetto nel suo complesso e per questo Sara chiede varie forme di sostegno a tutti gli ascoltatori.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

PD = Proteine Disumane

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close