Animal House

28/10/12 – Save the Dogs chiede sostegno

Sara Turetta faceva la pubblicitaria a Milano. Volontaria in un canile, fu colpita dalla notizia dello sterminio dei randagi per le strade di Bucarest. Partì per portare aiuti e da allora la sua vita si è completamente trasformata: ha lasciato Milano e il suo lavoro e ha lavorato duramente in modo stabile a Bucarest fino a fondare l’associazione Save the dogs presente in Romania con cliniche mobili e un imponente numero di addetti e volontari che nutrono e salvano i cani randagi, li fanno adottare, li curano e li sterilizzano se malati.

Oltre ai cani Save the dogssi prende cura di cavalli e asini. Tutto questo ha un costo imponente, più di 40.000 Euro al mese, interamente coperti da sponsor e cittadini italiani che conoscono e appoggiano il progetto. Recentemente Sara ha inaugurato “Footprints of joy” un rifugio modello a norma europea per accogliere e curare cani randagi.  Qui le immagini dell’inaugurazione

In tempi di crisi c’è il serio rischio che una flessione dei contributi ridimensioni il progetto nel suo complesso e per questo Sara chiede varie forme di sostegno a tutti gli ascoltatori.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri