Segnalazioni

Notizie – La ventiseiesima vittima umana della stagione venatoria

Non cessa lo stillicidio di vittime umane della caccia. L’ultimo caso è del 30 dicembre scorso. Stefano Cara, uno studente che proprio quel giorno compiva 18 anni, è morto nelle campagne di Lodè, in provincia di Nuoro, durante una battuta di caccia al cinghiale. Il giovane, data l’età, non portava armi ma partecipava alla spedizione di caccia come battitore. E’ stato ucciso da un colpo di fucile che sarebbe stato deviato da un albero nella sua direzione. Il cacciatore che ha sparato il colpo è stato denunciato e piede libero per omicidio colposo.

Secondo l’ultimo bilancio reso noto dall’Associazione vittime della caccia, il bilancio stagionale delle vittime umane della stagione venatoria è di 25 morti e 88 feriti, per un totale di 118 vittime. I decessi riguardano 18 cacciatori e 7 non cacciatori (di cui cinque sono minori). Il bilancio è aggiornato al 26 dicembre e quindi Stefano Cara è la ventiseiesima vita umana spezzata dalla stagione venatoria.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Lessico dell’Antropocene / rubrica di Francesco Panié

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

Archivi

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close