Approfondimenti, Perle agli umani

11/03/12 – Perle agli umani: Ecocidio

Nella puntata dell’11 marzo abbiamo presentato il libro “Ecocidio. Ascesa e caduta della cultura della carne” di Jeremy Rifkin.
Si tratta di un libro del 1994 pubblicato in Italia per la prima volta nel 2001 che a venti anni di distanza e ancora attualissimo.
Rifkin collega la cultura della bistecca imperante nella nostra società, con la devastazione ambientale e la fame nel modo. Ma anche con la teoria della razza, la cultura machista e sessista, la concentrazione di ricchezze capitaliste, la divisione del lavoro, la catena di montaggio e gli standard di efficienza. Tutti concetti originariamente messi a punto nei mattatoi. Un libro illuminante e profetico.

Per incuriosirvi eccovi qualche brano.

La vacca è un animale tra i più placidi. Per temperamento, appare pacifica e soddisfatta. Ha una visione del mondo sfocata, dato che le manca la macula lutea, un’area gialla della retina che aiuta a mettere a fuoco gli oggetti. In compenso ha olfatto e gusto sviluppatissimi sensibili al minimo cambiamento. Bruca in uno stato di quasi sonnambulismo, come se fosse introversa e preoccupata. Sembra vivere in un mondo parallelo, un luogo lontano dall’agitazione e dal dinamismo che altri animali manifestano. […] Per liberarsi la coscienza l’uomo moderno ha eretto una serie di barriere che lo separino, per quanto possibile, dall’animale di cui si nutre. Sottraendosi a una relazione intima con la preda, l’uomo è riuscito a sopprimere il profondo legame emotivo che, insieme alla paura, al disgusto, alla vergogna e al pentimento, accompagna l’uccisione di un’altra creatura. […]  Le culture carnivore hanno ulteriormente separato gli uomini dagli animali di cui si nutrono, trasferendo la responsabilità dell’uccisione, nascondendo l’atto della macellazione, camuffando il processo di smembramento e celando l’aspetto animale del cibo nelle prepaarazioni alimentari. […] Oggi bovini e altro bestiame sono tenuti separati, sottratti alla vista del pubblico, fino al momento in cui compaiono sotto forma di tagli e porzioni, al banco dei supermercati. Gli allevatori hanno rinchiuso il patrimonio zootecnico della nazione in aree rurali recintate ed escluse dalla vista del pubblico come i complessi industriali. Le stalle sono talmente automatizzate che il contatto fra inservienti e animali è minimo: perfino il dosaggio giornaliero del cibo spesso è gestito e regolato da un computer. […] In un recente numero della rivista Meat Trade Journal uno dei redattori proponeva di sostituire i termini “macellaio” e “macello” rispettivamente con ” operatore di impianti per la produzione della carne” e “fabbrica di carne”, per adeguare il linguaggio alla sensibilità del pubblico, sempre più animalista.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close