Puntate

27/1/18 – Burger di lenticchie verdi al cacao e mandorle

Ci sono animali che, fortunatamente, per nostra abitudine, non finiranno mai in un piatto, almeno in questo paese. Anche se in un passato non troppo lontano, non era così raro trovare qualcuno che avesse gustato la carne di cane e gatto. D’altro canto invece è comunemente accettato macellare maiali, manzi, polli, ecc.

Poi ci sono le specie che definirei “di mezzo”. Il coniglio per esempio, specialmente da quando si è diffusa l’abitudine di considerarli animali domestici. Ma l’animale “di mezzo” per eccellenza, a mio parere è il Cavallo. Molte persone, se pur onnivore, rabbrividiscono al pensiero di macelli equini. Altri invece ne consumano la carne perché hanno carenza di ferro e… “ne farei anche a meno, ma come si fa.”

Ecco allora una bella ricetta cruelty free, con un alto contenuto di ferro, la cui assimilazione sarà facilitata dalla presenza di vitamina c (grazie al succo di limone), aglio e cipolla.

Burger di lenticchie verdi al cacao e mandorle

Ingredienti per 4 persone:

200 gr di lenticchie verdi essiccate

Il succo di mezzo limone

100 gr di patate lessate e schiacciate

1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

1 cucchiaio di mandorle tostate e tritate

1 spicchio di aglio

1 cipolla rossa

2 cucchiai di olio extravergine

Sale e pepe

Rosmarino

—————————————————–

Sciacquate le lenticchie e lasciatele in ammollo in abbondante acqua almeno per 2 ore.

Nel frattempo sbucciate la cipolla e affettatela. Fatela scottare in un tegame con mezzo bicchiere di acqua e quando questa sarà evaporata, unite l’olio extravergine, il cacao amaro in polvere, il rosmarino e lo spicchio d’aglio tritato e fate soffriggere per qualche minuto. Scolate bene le lenticchie e unitele al fondo di cipolla. Lasciate rosolare per un minuto, quindi bagnate col succo di limone. Quando sarà evaporato coprite con brodo vegetale o acqua e fate cuocere a fuoco lento aggiustando di sale e pepe.

Quando le lenticchie saranno cotte togliete dal fuoco e lasciate intiepidire. Macinate il tutto finemente, fino ad ottenere una crema che impasterete con le patate precedentemente lessate e schiacciate. Con le mani leggermente unte di olio o bagnate con acqua fredda, formate dei burger che sistemerete in una teglia con carta forno. Cospargete la superficie di ogni burger con la granella di mandorle tostate e fate cuocere a 180° in forno ventilato per 25 minuti, quindi spengete e lasciate raffreddare.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

PD = Proteine Disumane

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close