Comunicati

Cecina, rischio deportazione randagi: scriviamo al Comune / Il caso su Controradio

Si ripropone un nuovo caso di deportazione di cani randagi ad opera di un’amministrazione comunale. Stavolta siamo a Rosignano, in provincia di Livorno: il progetto è di trasferire a Reggio Emilia i cani attualmente custoditi a Cecina nel canile “Il Paratino” in via di chiusura. L’associazione Mici Felici si sta opponendo a questa scelta, che ha ragioni esclusivamente economiche (il canile reggiano propone tariffe molto basse). Mici Felici chiede di mantenere i cani sul territorio, in modo che non siano spezzati i legami con i volontari e che sia data così agli animali una possibilità di inserimento in famiglia presto o tardi. C’è inoltre una legge regionale che esclude esplicitamente la possibilità di traferire i randagi oltre i confini regionali.

caniCasi simili sono già avvenuti a Volterra e Sarzana e ogni volta si confrontano due concezioni profondamente diverse: da un lato chi considera i cani sotto il profilo economico, dando loro un prezzo e quindi valutandoli come un costo; dall’altro chi vede in loro vite degne di rispetto, destinatarie di sentimenti di empatia. Per sostenere la campagna di Mici Felici invitiamo a sottoscrivere e inviare questa lettera agli amministratori di Rosignano a questi indirizzi – a.franchi at comune.rosignano.livorno.it e d.donati at comune.rosignano.livorno.it (rispettamente sindaco e assessore competente), v.brogi at comune.rosignano.livorno.it e a.martinelli at comune.rosignano.livorno.it (funzionari competenti) – e agli indirizzi dei giornali locali: cronaca.livorno at lanazione.net  – cecina at iltirreno.it  – redazione at granducatotv.it

QUI L’INTERVENTO DI CAMILLA LATTANZI A “BELLAVISTA” SU CONTRORADIO MERCOLEDI’ 2

* Mici Felici si sta impegnando per le adozioni dei cani: il riferimento è Francesca Fiori 3479149151 (in particolare c’è Lina una Yorkina anziana, alla quale si vorrebbe risparmiare sia la partenza per Reggio Emilia, sia l’inverno al freddo)

———————————-

IL TESTO DELLA LETTERA

egregi Amministratori

con questa mail manifesto il mio  dissenso in merito alla Vostra decisione di trasferire i cani attualmente ospiti presso il canile il Paratino di Cecina
Questi sono i motivi: – il trasferimento dei cani presso il canile La Valle del Re, non solo impedirebbe ai volontari locali di seguirne la sorte, ma contravverrebbe espressamente alle prescrizioni ed alla ratio legis a cui è ispirata la normativa nazionale con la legge n.281 del 1991, che ha dato attuazione alla Legge della Regione Toscana n.59 del 2009 per la tutela degli animali di affezione e la prevenzione del randagismo; secondo l’art.32 comma 9 delle suddetta legge regionale:
i Comuni che non dispongono di strutture proprie da adibire a canile rifugio, devono utilizzare “i canili presenti SUL TERRITORIO REGIONALE O DI COMUNI LIMITROFI anche se appartenenti ad altre regioni”;

tale prescrizione consente evidentemente di perseguire le finalità di cui all’art.1 di detta legge, laddove il legislatore valorizza espressamente il ruolo delle associazioni di volontariato iscritte in albi regionali e quindi locali, per perseguire il benessere degli animali d’affezione;

il rispetto della legge regionale è, del resto, previsto come presupposto dallo stesso bando di gara vinto dal suddetto canile;

è noto, peraltro, che le gare a ribasso negli appalti relativi al servizio di mantenimento dei cani assecondano gestioni che contravvengono ai principi cui è ispirata tutta la normativa in materia: il corrispettivo richiesto dal gestore del canile di Reggio Emilia è palesemente insufficiente a garantire una vita dignitosa ai randagi chiusi nel canile; dal canto loro, i Sindaci dei Comuni restano responsabili dei cani prelevati sul proprio territorio e collocati in strutture site in altri Comuni, dovendo – fra l’altro – assicurare il possesso, da parte della struttura che li ospita, dei requisiti strutturali e delle condizioni di mantenimento degli animali almeno non inferiori a quelli previsti dalle leggi regionali e dai rispettivi regolamenti attuativi

il trasferimento dei cani in Emilia Romagna renderebbe difficile ai Comuni effettuare i dovuti controlli di legge; – infine, la notoria difficoltà di adozione dei cani peraltro a 200 km di distanza, andrebbe alla lunga a gravare sulle tasche dei contribuenti, che sarebbero loro malgrado costretti a mantenere A VITA i cani del proprio Comune.

Quanto sopra premesso, CHIEDO che vengano presi tutti i necessari provvedimenti per evitare che, nel rispetto della legge Regione Toscana n.59 del 2009, i cani dei 10 Comuni della Bassa Val di Cecina vengano trasferiti nel canile di Reggio Emilia, consentendo che essi vengano ospitati presso la struttura “Oasi del Cane e del Gatto” con la collaborazione dei volontari locali appartenenti alla Associazione Mici Felici.

Distinti Saluti
 (firma)

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close