Il pasto gentile

6/12/19 – Tartera bastarda

Se di bastardi si parla, la ricetta di oggi ci riporta niente di meno che nella Perugia del 1500. Come dei novelli Troisi e Benigni trasportiamoci a Frittole e prepariamo una bella

Tartera bastarda

Ingredienti per una teglia di 20 cm di diametro

50 gr di farina di ceci

160 gr. di malto di riso o di orzo

30 gr. mandorle

30 gr di noci sgusciate

250 gr. di tofu

150 gr di farina tipo 0

50 gr. di amido di mais

30 gr di scorza di arancia candita

Acqua di rose

Un pizzico di cannella in povere

zucchero a velo per decorare


 

Fate scottare il tofu in acqua bollente per 5 minuti. Quindi scolatelo e unite le scorze di arancio candite. il malto di riso che avrete fatto intiepidire e le noci e le mandorle che avrete ridotto in farina con l’aiuto di un macina spezie.

A parte diluite la farina di ceci con poca acqua, fino ad ottenere una crema. Unite la farina e l’amido di mais e mescolando con una frusta l’impasto tiepido di tofu, malto e frutta secca.

Foderate con carta forno uno stampo di 20 cm di diametro. Versate il composto e fate cuocere a 180° in forno statico per 30 minuti. Una volta tolta la torta dal forno aromatizzate con qualche goccia di acqua di rose e lasciate raffreddare.

Servite con dello zucchero a velo aromatizzato con cannella in polvere.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri