Approfondimenti

Vattimo a Rossi: “Fermi la legge, va costruita una società meno violenta”

Il filosofo Gianni Vattimo si unisce all’appello di scrittori, intellettuali e naturalisti che chiedono al presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, di fermare la legge speciale che prevede l’abbattimento di 250 mila cinghiali. Ecco la inviata dal professor  Vattimo a Enrico Rossi.
Gianni Vattimo

Gianni Vattimo

IIlustre presidente, unisco la mia  voce a quella di molti colleghi che già le hanno scritto per richiamare la Sua attenzione sulla necessità di bloccare la cosiddetta legge 27, che sta per essere approvata dal Consiglio regionale, e che aprirebbe la via a una strage  di animali ungulati, anzitutto di cinghiali, la cui caccia sarebbe così incoraggiata.

Condivido in modo particolare le ampie argomentazioni umanitarie contenute nella lettera del prof. Lombardi Vallauri, ricca di considerazioni filosofiche a cui spero che Lei sia sensibile. Se anche la tradizione da cui veniamo  si è costruita in gran parte sul macello degli animali non umani, ma nostri simili in quanto capaci di soffrire e di provare emozioni, è  evidente, anche in base a considerazioni ecologiche sempre più urgenti, che  oggi è possibile e necessario uscire da questa preistoria umana e costruire una società meno violenta.
Il rispetto della vita animale è la base senza di cui il progetto di umanizzazione del mondo non può sperare di realizzarsi.
Un deferente saluto e molti auguri per il Suo lavoro.
Gianni Vattimo,  professore emerito di Filosofia teoretica, Università di Torino

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close