Approfondimenti

La Toscana ora stermina i piccioni. Quando la politica massimizza la violenza

La Regione Toscana si conferma capofila della guerra agli animali selvatici e dopo la legge ammazza-cinghiali approvata nei mesi scorsi, eccone un’altra – sempre firmata dall’assessore alla caccia Luigi Remaschi – che applica la stessa logica sterminatrice ai piccioni.
La premessa è sempre la solita – i piccioni arrecano danno alle colture mangiando i semi – e la conclusione identica: eliminiamo il problema alla radice, dando via libera a squadre di cacciatori, liberi di uccidere fino a centomila animali all’anno per tre anni. Una carneficina a cielo aperto.
piccioneQuesto provvedimento rimarca il tenore culturale e e politico del nuovo corso della Regione Toscana, che ha deciso di abbandonare la via della moderazione e della considerazione che in questo caso, come quasi sempre, si tratta di contemperare gli interessi economici degli agricoltori con la dignità della vita animale, dando spazio a quei princìpi di compassione ed empatia che sono il fondamento della società.
Un atteggiamento etico e civile che non convince più, evidentemente, le forze politiche che governano la Toscana, le quali sembrano ormai a proprio agio con la politica del pugno di ferro e con la massimizzazione della violenza di fronte a casi problematici, com’è da sempre la convivenza nelle campagne con gli animali selvatici.
Si tratta di una filosofia, diciamo pure di un approccio politico, che non si limita – evidentemente – alle scelte riguardanti gli animali selvatici, ma alla fine investe l’intera dinamica sociale: l’uso della violenza è preferito alle ipotesi di mediazione; l’Altro è percepito come fonte di problemi e quindi le sue esigenze e aspettative non sono prese in considerazione; l’esclusione e la difesa dei confini sociali, territoriali, culturali diventano la via maestra, a discapito delle strategie di inclusione e relazione positiva.

 

Gli animali selvatici sono le vittime dirette e il rapporto fra interessi economici dell’agricoltura e dignità della vita animale il campo d’intervento, ma non si tratta di scelte prive di ricadute sociali e morali in altri ambiti. E’ un messaggio che si manda all’intera società, a tutti i cittadini. 
E’ vero, sono tempi duri per tutti, con la crisi economica, politica e morale che attanaglia tutta l’Europa, ma la Regione Toscana sta dando un brutto esempio di regressione.
Lorenzo Guadagnucci

Discussion

One Response to “La Toscana ora stermina i piccioni. Quando la politica massimizza la violenza”

  1. EVVAI!danno così tanto fastidio a tutti! SONO ESSERI VIVENTI CON IL SANGUE ROSSO COME IL NOSTRO!Intelligentissimi, con un Cuore e un Anima.fanno tanta cacchina?e noi? sono sporchi! E noi? senza una doccia?Adorano lavarsi, come qualunque essere vivente sulla terra ama sentirsi bene anche in questo.Beh, a chi non importa niente di loro,anzi, pensi: E POI?a chi toccherà?

    Posted by ILAVEG | 10 maggio 2016, 11:39

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close