Comunicati

Contro le catene per i cani / Digiuno a staffetta con Davide Battistini (aderisci anche tu)

PERCHE’ IL DIGIUNO A STAFFETTA

La redazione di RESTIAMO ANIMALI, una trasmissione radiofonica il cui obiettivo è dare voce all’affermarsi della cultura animalista e antispecista, propone a tutti gli attivisti e le persone sensibili
di unirsi per mettere in atto un digiuno a staffetta, di 24 ore a testa, in sostegno a quello di Davide Battistini,  che dal primo gennaio 2013 sta conducendo uno sciopero della fame
con l’obiettivo di fare pressione sulla Regione Emilia Romagna affinché promulghi una legge che impedisca di tenere i cani legati alla catena.
cane_catena_320x200In Emilia-Romagna – come nel resto d’Italia – c’è l’uso barbaro di tenere i cani incatenati nei cortili di casa come fossero degli antifurto a buon mercato, condannandoli a vivere e morire miseramente.
Siamo consapevoli che i problemi degli animali siano infiniti: dalla vivisezione agli allevamenti e macelli, dal mercato delle pellicce alle barbare usanze di utilizzare animali per divertimento e sport
Ma ogni lotta offre spunti e ispirazioni diversi e può essere giocata e vinta solo se siamo uniti. Una persona sta rischiando la sua vita chiedendo un gesto di civiltà ai legislatori
un passo avanti in fondo piccolo e a costo zero verso la liberazione animale, e vogliamo che non sia solo nella sua battaglia durissima, giusta e coraggiosa. Siamo convinti che una volta che l’Emilia-Romagna avrà introdoto una norma che liberi dalle catene i cani, altre Regioni potranno fare altrettanto.
Ci sono tantissime persone che, come Davide, hanno coltivato una sensibilità alla giustizia e ritengono che tutti i viventi debbano conquistare il diritto alla libertà e al rispetto, senza eslcusioni di specie.
Vogliamo comunicare alla socità intera che è il tempo di spendersi in prima persona per aprire ogni gabbia e spezzare ogni catena, fino alla liberazione animale e naturalmente umana.
La redazione provvederà a diffondere comunicati stampa giornalieri su questa campagna, sui digiunanti e le loro motivazioni.

La redazione di Restiamo animali comincia il digiuno lunedì 28 gennaio con Lorenzo Guadagnucci; seguiranno Valentina Reggioli (29), Silvia Vallecchi (30), Camilla Lattanzi (31) e via via collaboratori,a mici, sostenitori. Al momento sono prenotati digiunanti fino al 6 febbraio. Chi vuole unirsi, possibilmente scegliendo un giorno dal 7 febbraio compreso in poi, può scrivere una mail a restiamoanimali@gmail.com 

 

PER PARTECIPARE E’ NECESSARIO

1) PRENOTARSI SUBITO inviando una mail all’indirizzo a restiamoanimali@gmail.com con nome, cognome, età, cttà e le motivazioni per cui si intende far parte della staffetta, in questa mail bisogna confermare la data del digiuno.
2) INVIARE un resoconto della propria giornata di digiuno – da mettere nel blog – incluse le reazioni di chi ha saputo quello che stavamo facendo, le nostre motivazioni, ecc è importante incuriosire e intercettare i commenti e le reazioni delle persone che frequentiamo o conosciamo.
FACOLTATIVO ma molto gradito ed efficace dal punto di vista della comunicazione: inviare una propria foto con un cartello con sopra scritto qualcosa in solidarietà con Davide Battistini.
L’obiettivo non è sovrapporci a Battistini  bensì valorizzare la sua lotta.
(Preghiamo tutt* di non spostare la data del digiuno, cerchiamo di evitare di avere dei “buchi” vuoti)

Discussion

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Davide, da 30 giorni a digiuno per i diritti animali: associazioni solidali | All4Animals - 31 Gennaio 2013

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close