Il pasto gentile

16/2/19 – Focaccia di Recco con stracchino vegetale

Si fa un gran parlare degli insetti, purtroppo anche in cucina. Già perché: guai a mettere in pericolo la tradizione della cucina regionale italiana con le blasfemie vegane! Ma poi vorrebbero farci mangiare i poveri grilli, scarafaggi, cavallette e compagnia bella. Qualcuno afferma che gli insetti saranno il cibo del futuro, perché potrebbero resistere ad una guerra atomica…non sarebbe più sensato fare in modo che non ci fosse un pericolo atomico piuttosto che diffondere un’ennesima abitudine violenta?

Per quanto mi riguarda vedo un solo possibile abbinamento fra cibo e insetti ed è il Pic Nic.

Quindi, dedico a queste piccole vite, la ricetta per la famosa Focaccia di Recco con Stracchino Vegetale, ottima da tagliare a pezzi e portare in uno stiloso cestino di vimini, su un bel prato, d’obbligo, ça va sans dire, una tovaglia a quadri.

Ingredienti x 4 persone:

Per lo stracchino vegetale:

100 gr di yogurt di soia

150 gr. di latte di soia

20 ml di Olio extravergine di oliva

30 gr. di farina tipo 0

1 cucchiaino di fecola di patate

1 cucchiaio di lievito alimentare a scaglie

Sale

Per la focaccia:

250 gr di Farina di grano tipo 0

2 cucchiai di olio extravergine

125 ml di acqua

Sale

————–

Iniziate preparando lo stracchino vegetale:

In un tegame unite l’olio extravergine, la farina, la fecola e un pizzico di sale e fate rosolare a fuoco lento. A parte fate scaldare il latte di soia con lo yogurt e il lievito alimentare.

Versate lo yogurt caldo nel roux mescolando con una frusta. Lasciate a fuoco lento fino a quando non avrà ottenuto la densità di una crema liscia e soda.

Versate in un contenitore di vetro e fate riposare fino a quando si sarà addensato.

Adesso preparate la pasta per la focaccia. Disponete la farina a fontana e lavorate, partendo dal centro, mescolando l’acqua tiepida, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio extravergine. Lavorate fino ad ottenere un impasto morbido.

Quindi fate riposare per mezz’ora a temperatura ambiente, coprendo con un panno.

Stendete metà pasta in una sfoglia molto sottile. Con metà impasto dovrete ottenere un rettangolo grande quanto una teglia da forno.

Con un cucchiaino disponete lo stracchino vegetale su tutta la sfoglia.

Tirate l’altra parte della pasta in una sfoglia altrettanto sottile e coprite la precedente.

Fate pressione ai bordi con le dita in modo da sigillare la focaccia. Praticate delle piccole incisioni sulla superficie e spennellate con l’olio extravergine.

Infornate a 220° per circa 15 minuti. La focaccia dovrà risultare croccante e dorata.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close