Il pasto gentile

1/9/18 – Ciambotta lucana

A parte tutte le frasi fatte sul tema del veganesimo, una delle affermazioni che più mi sento ripetere è “non ti invito a cena perché non so cosa farti”.

Vorrei rassicurare tutti quelli che vorrebbero invitarci a cena o a pranzo, ma sono tormentati dal panico di non accontentarci: e siamo gente semplice e vu ci contentate con poco, bastano du verdure fatte a modino.”

Ecco allora la ricetta “salva cena col vegano”, un piatto della cucina tipica della Basilicata, semplice, fatto con ingredienti comuni e per tutti questi motivi, buono da morire:

Ciambotta Lucana (*)

Ingredienti per 4 persone

2 cipollotti freschi

1 spicchio di aglio

2 Peperoni

1 Melanzana

3 Patate

2 Zucchine

200 gr di Pomodori ciliegia

Qualche foglia di basilico

Origano

Olio extravergine di oliva

Sale e Pepe

——————————

Iniziate preparando tutte le verdure. Sbucciate le patate e tagliatele a quadretti, lasciandole immerse in acqua fredda fino al loro utilizzo. Tagliate anche la melanzana a quadretti, compresa la buccia e mettetela in un colapasta con un cucchiaio di sale grosso ed un peso sopra e lasciatela riposare. I pomodorini andranno tagliati a metà, mentre le zucchine, dopo essere state accuratamente lavate, dovete tagliarle a rondelle piuttosto spesse.

Infine pulite i peperoni dai semi e tagliateli a rombi.

Pulite e tagliate i cipollotti a fette sottili. Fate scottare in un tegame con poco brodo vegetale o acqua e quando il liquido si sarà ritirato aggiungete due cucchiai di olio evo. Fate rosolare per un paio di minuti e aggiungete l’aglio tritato, privato dell’anima centrale.

Adesso aggiungete le melanzane dopo averle sciacquate dal sale e lasciate cuocere qualche minuto a fuoco medio, quindi unite le patate. Trascorsi altri cinque minuti, aggiungete i peperoni e infine, zucchine e pomodori. Fate cuocere per altri 15 minuti e a fine cottura aggiustate di sale e pepe ed aromatizzate con le foglie di basilico spezzate a mano e dell’origano fresco o essiccato.

Portate in tavola con un filo di olio evo a crudo.

Un’idea per servire la ciambotta come antipasto con una veste sfiziosa, può essere quella di servirla svuotati dalla mollica.

(*) Ricetta tratta dal libro di Gabriele Palloni, “La cucina regionale italiana vegana” (Newton Compton editori)

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri