Il pasto gentile

19/3/16 – Cucinare con le bucce

PODCAST

Le Bucce

A Firenze, per additare qualcuno avaro, si dice: ”Va ‘ia Buccia!” perché si sa che la scorza di frutta o verdura vale poco, qualcosa che di solito si butta via. E allora, paladino della giustizia vegetale, dedico questa puntata del Pasto gentile, all’ingrediente più discriminato della cucina. Oggi si parla di bucce!
Partiamo dalle più famose, quelle di arancio e limone, utilizzate per profumare torte e creme, oppure candite in acqua e zucchero. Ma avete mai provato a frullare la loro scorza con acqua, filtrare il tutto e portare a cottura un risotto con questa acqua aromatizzata? Lasciatelo bianco, con solamente un filo di olio evo e del prezzemolo tritato.
buccia di bananaMa passiamo a qualcosa di leggermente più azzardato. Invece di sbucciare le patate, lavatele bene, specialmente quelle novelle e cuocetele in forno con tutta la loro pelle. Il sapore risulterà decisamente più “rustico” e gradevole. Oppure dopo averle ben lavate per eliminare tutta la terra, sbucciatele e lasciate la buccia in acqua per un’oretta. Scolare, asciugate bene e friggete in olio caldo. Un pizzico di sale e servite.
Ma cominciamo ad avventurarci in esperimenti più rischiosi: bucce dei piselli freschi, lessate e tritate sono un’ottima base per il famoso Risi e Bisi, ma anche con le bucce delle fave si ottiene uno squisito ragù dal sapore leggermente agrumato.

 

E le foglie esterne dei carciofi? Nell’organico?? Giammai, mettetele in pentola con acqua fredda e portate ad ebollizione. Scolate e lessateci i gambi dei carciofi privati solo dei filamenti esterni. Frullate il tutto e fate addensate con poca farina di riso. Servite con cubetti di pane saltato in padella con aglio, prezzemolo e scorza di limone finemente tritati. Una bella macinata di pepe nero e in tavola.
E infine caliamo l’asso, qua bisogna giocarsi il tutto per tutto e allora, in nome di tutte le bucce gettate nel cestino, mettiamo in ammollo in acqua fredda la buccia delle banane, meglio se belle mature, gialle e nere. Togliamo solo le punte delle due estremità. Mettiamole in padella, dopo averle tagliate a tocchetti, con una cipolla bianca imbiondita in poco olio evo.Facciamole rosolare, aggiungiamo un cucchiaino di curcuma in polvere, paprika, un pizzico di cumino e del coriandolo fresco tritato. Una sfumata con una tazzina di rhum e facciamo cuocere per una decina di minuti. Aggiustiamo di sale e via in tavola a lasciare tutti a bocca aperta.

 

Con lo stesso metodo, possiamo anche rinforzare uno stufato di verdure di stagione.
Ça va sans dire, che le bucce in questione devono provenire da frutta e verdura biologica.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close