Approfondimenti

L’appello dei giuristi: “Salvare gli animali di Gorgona”

Una nuova tappa della campagna per salvare il Progetto Gorgona e gli animali ospiti dell’isola-carcere. Dopo il mail bombing alle autorità dei mesi scorsi, ecco un appello sottoscritto da giuristi e intellettuali per chiedere la salvezza degli animali e il proseguimento del progetto di educazione e reintegro sociale condotto alla Gorgona, avendo gli animali come fondamentali collaboratori. Qui sotto il comunicato diffuso da Lav, Essere Animali e Fattoria della pace-Ippoasi, capofila della campagna.

SALVA GORGONA L’appello dei giuristi

UN APPELLO PUBBLICO PER SALVARE GLI ANIMALI DELL’ISOLA DI GORGONA

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Resi noti i primi importanti sottoscrittori, che appoggiano l’iniziativa finalizzata a tutelare l’esperienza di Gorgona e gli ospiti non umani dell’isola.

 

 

Migliaia di cittadini, molti personaggi pubblici e numerosi esperti di settori collegati, chiedono di sospendere le uccisioni di animali sull’isola e ispirarsi ai principi di una rieducazione nonviolenta.

 

 

Dopo la petizione firmata da migliaia di cittadine/i e la recente mozione approvata in Senato (che impegna il Governo a “valorizzare e promuovere buone pratiche come l’esperienza di reinserimento e recupero dei detenuti del carcere dell’isola di Gorgona attraverso attività con animali domestici”), ora è la volta di importanti persone del mondo giuridico, della cultura e dello spettacolo, che, indirizzando l’appello al Ministro della Giustizia Andrea Orlando e alle altre massime cariche dello Stato – Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Presidente del Consiglio Matteo Renzi e Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi – hanno firmato un documento dal titolo inequivocabile: “Appello per Gorgona: l’isola delle buone pratiche nella relazione umano-animale”.

 

Questo appello è sottoscritto da persone di varia estrazione culturale e operanti in diversi ambiti professionali, alcune delle quali hanno una conoscenza diretta dell’isola: insieme a persone molto note come Stefano Rodotà, Licia Colò, Sveva Sagramola, Susanna Tamaro, Erri De Luca, è significativa l’adesione di un’antropologa che ha redatto una tesi sulla comunità di Gorgona e quella di un ex persona detenuta sull’isola.

 

L’appello:

 

– ripercorre alcune delle tappe fondamentali che hanno caratterizzato il percorso di tutela degli animali presenti sull’isola, sottraendoli ai meccanismi di sfruttamento zootecnico e, quindi, alla morte;

 

– chiede, per tutti gli animali presenti sull’isola, che tale percorso, iniziato con la stesura della “Carta dei diritti degli animali di Gorgona”  e proseguito con l’emanazione di “Decreti di Grazia” per alcuni animali dell’isolai, giunga al proprio definitivo compimento.

 

In uno dei principali punti dell’appello si legge infatti: “Vi chiediamo di tutelare la vita di tutti gli animali presenti sull’isola, riconoscendo la loro soggettività e il loro status di “esseri senzienti” (cosi come affermato nell’articolo 13 del Trattato di Lisbona) e sottraendoli da ogni forma di vendita o sfruttamento per finalità produttive nonché dalla morte per macellazione. Lo sfruttamento e l’uccisione degli animali sono, infatti, incompatibili con la missione istituzionale del carcere.”

 

Dello stesso avviso è anche la prof.ssa Silvia Buzzelli, docente di diritto penitenziario e procedura penale europea e sovranazionale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, che nel suo contributo al documento “Carceri: materiali per la riforma” richiama esplicitamente l’esperienza di Gorgona come inedita e innovativa nell’ambito della rieducazione delle persone detenute e ispirata alla relazione nonviolenta tra umano e altri animali.

 

Il prossimo 14 settembre una delegazione di parlamentari visiterà l’isola di Gorgona per conoscere sul campo questa innovativa realtà. In previsione di tale visita è in corso uno scambio epistolare tra la Direzione del Carcere di Gorgona e le principali associazioni impegnate nella salvaguardia degli animali dell’isola, che si sono rese disponibili a partecipare a un tavolo di confronto per contribuire alla definitiva e sostenibile tutela di tutti gli animali dell’isola (e non solo quelli oggetto dei Decreti di Grazia).

Discussion

5 Responses to “L’appello dei giuristi: “Salvare gli animali di Gorgona””

  1. Effettivamente la macellazione di innocenti è un ottimo promemoria per chi sconta una pena..

    Posted by francescamanimali | 23 luglio 2015, 14:51
  2. ma il problema, qual è? davvero, mi sono persa…

    Posted by ILAVEG | 24 luglio 2015, 19:43
    • Il problema è che il progetto di rieducazione si è fermato, col trasferimento del veterinario Marco Verdone e la fine del mandato Carlo Mazzerbo. A Gorgona ora è attivo un soggetto privato (per le vigne) ed è stato fatto un bando per assegnare la parte agricola. Ora c’è il rischio che gli animali siano venduti. L’appello e le altre iniziative puntano a fermare tutto e a riaprire il discorso con il ministero

      Posted by restiamoanimali | 25 luglio 2015, 10:30
  3. Grazie alla redazione, per la spiegazione.
    Ora mi chiedo, perché bisogna andare a toccare quei fili sottili di equilibrio con Madre Natura che funzionano, che non fanno disastri, che apportano pace interiore.
    Perché non riusciamo a conVivere?

    Posted by ILAVEG | 27 luglio 2015, 10:58

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close