Perle agli umani

17/2/13 – “Il viaggio dell’orsa” di Vincenzo Pardini

Vincenzo Pardini è uno scrittore a suo modo unico nel panorama letterario contemporaneo. Nei suoi libri la natura e in particolare gli animali giocano un ruolo centrale. Sono personaggi forti, drammatici, danno senso e spessore ai romanzi.

Nel suo libro più recente – “Il postale” (Fandango 2012) – uno dei protagonisti è un cavallo da tiro, compagno fidato del vetturino la cui famiglia è la chiave di lettura per raccontare e interpretare un periodo storico decisivo per la storia d’Italia, a cavallo fra XIX e XX secolo.

Ma oggi vogliamo parlare di un altro libro – “Il viaggio dell’orsa” – uscito nel 2011, sempre per Fandango. E’ una raccolta di racconti, ma forse è meglio dire di novelle, tutte centrate su figure di animali.

Sono storie molto potenti, spesso anche cruente, come sovente estrema e cruenta è la vita degli animali. Pardini non propone mai storie edificanti o rassicuranti ritratti di animali; non ci parla del “migliore amico dell’uomo”. Preferisce storie crude e realistiche, anche quando le colloca in tempi lontani, quasi mitici.

“Il viaggio dell’orsa”, la novella che dà il titolo al libro, è ambientata in una Garfagnana ancestrale, poverissima e sanguigna. Il Duca di Modena, che governa su quel lembo di terra sull’Appennino a cavallo fra Emilia e Toscana, per capriccio pretende dai sudditi garfagnini che ogni anno gli sia consegnato a corte un cucciolo di orso.

Così due giovani paesani, i più svelti e più scaltri, si danno alla caccia, imbattendosi nella grande orsa di cui si raccontano storie fantastiche e spaventevoli in paese. Finiranno male.

La durezza, la violenza e anche l’imprevedibilità della vita in natura si condensano in questo racconto, che non ci consegna una visione del rgeno animalòe pacificata e umanizzata, ma ne restituisce anzi la forza pura, la violenza inferta e quella subita nella lotta per sopravvivere.

orsa2Potente e affascinante per il poderoso sforzo dell’autore di immedesimarsi in un cane che potremmo definire “dropout”, un irregolare, un leader vendicati ma con un suo senso di giustizia, è nel racconto “La sfida e la pantera”, che recupera anche le notizie, le fole, le paure che sgorgano ogni volta che compare la notizia di una grande felino libero – chissà come, chissa perché – nelle nostre campagne urbanizzate, vicino alle città.

Vincenzo Pardini è lo scrittore degli animali per antonomasia, e si fa apprezzare perché non è stucchevole, non cerca di blandire il lettore giocando sulla compassione, bensì utilizza lo strumento dell’autenticità.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close