Il pasto gentile

20/1/13 – Ravioli di zucca

Che buoni i ravioli… mi ricordano tanto la mia infanzia, quando per Natale la nonna ne preparava a centinaia, e io andavo a rubarli per mangiarli ancora crudi!
Mi sono sempre rifiutata di farli in casa, convinta che tutta la fatica e il tempo per prepararli, non  ne valesse la pena, finché non ho visto un video carinissimo, dei coniugi Cabrini, che mi ha invogliata…ed ecco il risultato!
Ne sono rimasta così entusiasta che, questa volta, ho tantissime foto da pubblicare!!

ravioli di zuccaINGREDIENTI (per 34 ravioli circa):
per il ripieno:
– 400 gr di polpa di zucca già cotta
– 250 gr di patata già cotta
– 1 cucchiaino di aglio in polvere (o 1 spicchio fresco)
– 4 cucchiai di pangrattato
– 4 cucchiai di lievito alimentare (facoltativo)
– 1 rametto di rosmarino
– 1 rametto di salvia
– 1 pizzico di noce moscata
– sale, pepe

per la pasta:
– 250 gr di farina di grano tenero tipo 0
– 1 cucchiaio di olio EVO
– 1 cucchiaino di curcuma
– sale, pepe
– acqua q.b.

Iniziamo dal ripieno: cuocete la zucca e la patata (io le ho cotte a vapore, se volete far prima potete anche lessarle). Mettetele in una ciotola con il rosmarino e la salvia tritati, aglio, sale, pepe, noce moscata. Passate tutto con il minipimer, rendendo la crema bella omogenea. Aggiungete il pangrattato, il lievito alimentare. Assaggiate (ma non finitelo!!) ed eventualmente aggiustate di sale se vi sembra un po’ troppo dolce. Lasciate riposare al fresco.

Prepariamo ora la pasta, semplicissima: impastate la farina con la curcuma, l’olio, sale e tanta acqua, aggiunta poca alla volta, sino ad ottenere un bell’impasto, elastico e facilmente lavorabile. Impastate energicamente per una decina di minuti.

Poi viene la parte impegnativa (non difficile eh? Solo un po’ lunga); dividete in due l’impasto e armati di mattarello e santa pazienza, tiratelo sino ad ottenere una sfoglia sottile (se avete in casa la macchina per tirare la pasta, per amor di Dio, usatela!!).

Ricavate dalla sfoglia tanti cerchietti (vedete dalla foto il mio strumento altamente professionale).

Su ogni cerchietto versate un cucchiaio di ripieno di zucca, e richiudetelo a raviolo (per capire di cosa parlo, vi rimando al video “Raviolando”).
Eccoli qua, i miei tesori!!

Non vi resta che cuocerli in una pentola con abbondante acqua salata bollente, per qualche minuto.
 Scolateli con una “schiumarola”, e gustateli con il condimento che preferite; io ho semplicemente scaldato il padella dell’olio EVO con 2 spicchi d’aglio e delle foglie di salvia.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close