Animal House

20/1/13 – La lotta di Davide Battistini contro le catene

In questi tempi cinici, in cui tutti più o meno 
conviviamo con la sottile ansia di vederci degradare nella scala sociale, e in cui l’attenzione è tutta riposta sulla conservazione delle sicurezze materiali, c’è un uomo a Ravenna, che ha pianificato in modo lucido e grintoso, di devolvere la sua esistenza – fino alle estreme conseguenze – a una causa animalista.
cane_catena_320x200Davide Battistini sta digiunando dal primo di gennaio 2013 per chiedere una legge regionale
 che in Emilia-Romagna impedisca ai proprietari di cani, di tenerli legati a pochi metri di catena, condannandoli a una non-vita per tutta la durata della loro misera esistenza
Ci sentiamo in sintonia profonda con le idee che Davide esprime nell’intervista  e approviamo il metodo nonviolento ma allo stesso tempo incisivo col quale sta affrontando la sua battaglia. 
Le sue parole ci hanno emozionato e sentiamo forte il bisogno di creare attorno a lui 
il calore umano e l’attenzione mediatica che merita.
Davide ci ha detto: “Le catene che legano gli animali non umani sono le stesse catene che legano gli animali umani nei centri di identificazione e di espulsione, negli ospedali psichiatrici criminali dove i malati di mente vengono abbandonati, nelle carceri indecenti, nei pensionati dove i vecchi vengono legati per non disturbare.… Chi cerca di gettare fango sugli ideali e sulle lotte degli altri dovrebbe fare un esame di coscienza e chiedersi qual è il senso della sua esistenza… Una vita non ha valore solo per la somma dei giorni ma per gli ideali che la ispirano… Non sono né un eroe né un santo, sono solo una persona civile che a un certo punto ha detto “basta!”, le lotte di liberazione hanno sempre avuto nella storia un alto costo da pagare….ho sei cani (con 22 zampe in tutto) e 9 gatti. I miei animali lottano assieme a me. Io questa battaglia la faccio per loro e loro ne pagano il prezzo assieme a me. Venendo tutti dal canile se potessero parlare sono sicuro che mi direbbero di andare avanti.”
Dall’inizio del digiuno Davide Battistini ha già perso 8 chili.  Nessuna istituzione regionale si è ancora fatta viva con lui per una udienza.
Qui potete collaborare alla sua azione, firmando la richiesta e divulgandola ad amici e conoscenti  e sul suo blog potete seguire la sua battaglia. Se lo volete contattare direttamente il suo indirizzo di posta è scatenarediritti@gmail.com e i suoi numeri di telefono sono  331 1365007 – 349 1001300.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close