Visti da vicino

10/3/13 – Le tre rattine di Francesca

Francesca è una delle novanta persone che avevano aderito al digiuno a staffetta in sostegno a quello di Davide Battistini per una legge che proibisse di far vivere (e morire) i cani legati a una catena. In quell’occasione ci mandò una sua foto titolata “io e lei” in cui Francesca appariva, indossando una felpa di Sea Shepherd, di fronte a una rattina bianca, una di quelle da laboratorio, con gli occhi rossi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quella foto ci incuriosì e scoprimmo che Francesca e la sua coinquilina, invece di un più comune animale domestico, avevano adottato tre rattine femmine riscattate da un laboratorio dove viene praticata la vivisezione. Con quell’adozione, la sorte di Punky Milla e Janis – tre nomi non casuali, assegnati alle tre amiche in virtù delle loro caratteristiche sociali – è miracolosamente cambiata:  invece di fare esperienza di dolore e morte, le tre rattine vivono oggi una vita che forse non è quella della libertà in natura (ma quale natura?) ma è divertente, stimolante, sociale e piena di comfort.
Le tre rattine infatti hanno a loro disposizione una gigantesca gabbia piena di nascondigli come piace a loro, socializzano tra loro e con gli umani quando ne hanno occasione, e quando vengono liberate nell’ambiente si comportano come qualsiasi animale domestico: curiosando e facendo esperienza di tutto quello che c’è.
Abbiamo chiesto a Francesca cosa l’ha portata a fare una scelta così originale e lei ci ha risposto che è stato merito di un cane che ha avuto anni fa, Chicco. E’ stato infatti grazie alla relazione e all’osservazione di Chicco che Francesca è approdata a un pensiero antispecista, critico verso ogni forma di dominio ed oppressione.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri