Visti da vicino

10/3/13 – Le tre rattine di Francesca

Francesca è una delle novanta persone che avevano aderito al digiuno a staffetta in sostegno a quello di Davide Battistini per una legge che proibisse di far vivere (e morire) i cani legati a una catena. In quell’occasione ci mandò una sua foto titolata “io e lei” in cui Francesca appariva, indossando una felpa di Sea Shepherd, di fronte a una rattina bianca, una di quelle da laboratorio, con gli occhi rossi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quella foto ci incuriosì e scoprimmo che Francesca e la sua coinquilina, invece di un più comune animale domestico, avevano adottato tre rattine femmine riscattate da un laboratorio dove viene praticata la vivisezione. Con quell’adozione, la sorte di Punky Milla e Janis – tre nomi non casuali, assegnati alle tre amiche in virtù delle loro caratteristiche sociali – è miracolosamente cambiata:  invece di fare esperienza di dolore e morte, le tre rattine vivono oggi una vita che forse non è quella della libertà in natura (ma quale natura?) ma è divertente, stimolante, sociale e piena di comfort.
Le tre rattine infatti hanno a loro disposizione una gigantesca gabbia piena di nascondigli come piace a loro, socializzano tra loro e con gli umani quando ne hanno occasione, e quando vengono liberate nell’ambiente si comportano come qualsiasi animale domestico: curiosando e facendo esperienza di tutto quello che c’è.
Abbiamo chiesto a Francesca cosa l’ha portata a fare una scelta così originale e lei ci ha risposto che è stato merito di un cane che ha avuto anni fa, Chicco. E’ stato infatti grazie alla relazione e all’osservazione di Chicco che Francesca è approdata a un pensiero antispecista, critico verso ogni forma di dominio ed oppressione.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close