Puntate, Speciale Estate

Puntata del 20/9/2012 – No alla vivisezione, il caso Harlan

Dopo Green Hill ecco Harlan. L’azienda di Montichiari (Brescia) dopo tre anni di lotte degli attivisti animalisti, è finita nella bufera anche giudiziaria (accusata di maltrattamenti) e 2500 cani destinati alla vivisezione sono stati liberati. Ora l’attenzione si sposta su Harlan, multinazionale delle biotecnologie con sede centrale a Indianapolis.

Harlan ha tre sedi in Italia, una in Friuli e due in Lombardia. Sabato 29 settembre il No Harlan Group ha organizzato una manifestazione internazionale contro la vivisezione, che si terrà a Udine.

Vicino al capoluogo friulano è insediata una delle tre filiali italiane della  multinazionale Harlan. La città sarà raggiunta da molti attivisi provenienti da tutt’Italia (attraverso il sito del No Harlan Group è possibile organizzare la propria partecipazione)

Gaia, del No Harlan Group, ciha parlato degli obiettivi della campagna. Il “sogno” è arrivare alla chiusura di Harlan, ma intanto c’è da compiere un’operazione di informazione che tenga desta l’attenzione dell’opinione pubblica dopo il clamore suscitato dal “caso Green Hill”.

Il 20 ottobre a Correzzana (Monza), sede di un altro stabilimento, è in programma un’altra manifestazione contro Harlan. Si tratta del nuovo fronte di impegno del movimento contro la vivisezione  dopo gli incoraggianti risultati ottenuti con la campagna Greenhill.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close