Il pasto gentile, Rubriche

30/12/12 – Il cenone di fine anno

A cura di Sara Razzoli

Se sarete voi a dovervi occupare del tradizionale cenone e magari avete ospiti carnivori, non fatevi prendere dal panico: ci sono gustosissime ricette cruelty-free festose e succulente che tutti ameranno. Volete essere tradizionali? Benissimo! Le ricette che – si dice – portino prosperità sono lenticchie e la melagrana, e guardacaso sono entrambi ingredienti vegetali dunque cruelty-free.

Proviamo a progettare assieme un menù che sia gustoso invitante salubre economico e non violento?

Si comincia sempre con antipasti e crostini vari.
Potete preparare in anticipo vari tipi di Hummus: di ceci, o di cannellini, o quella squisita di piselli e pomodorini secchi.

e diverse cremedi zucca, di carciofini, di semi di girasole, di broccolo piccante

Poco prima dell’arrivo degli ospiti farete abbrustolire i crostini. Quando spalmerete i crostini poi li guarnirete poi con olive, capperi, noci, funghetti o quello che più vi piace.
Le stesse creme potrete servirle anche su fette di radicchio a mò di coppette, o in ciotoline monoporzione, accompagnate da patatine tipo nachos o piccoli crackers. Molto gustosa e allegra sarà l’insalata russa homemade: fate cuocere a vapore la verdura preferita tagliata a tocchetti e cuocetela a vapore rapidamente, poi quando si sono raffreddate la condite con maionese vegan.

Potete servirla in deliziosi vol-au-vent di pasta sfoglia (controllate gli ingredienti, ne vendono tanti senza burro). Termina la carrellata di antipasti con una serie di torte salate: spinaci, funghi, radicchio e noci, porri e patate…

Proseguiamo con un Bis di primi:
Una pasta dal sugo importante tipo ragù di verdure miste, o bietoline panna e noci, o funghi e piselli, o ragù di semi di girasole
http://straightedgefam.blogspot.it/2011/11/farro-con-crema-di-broccoli-e-nocciole.html
http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=150179
Poi un primo che potrete preparare in anticipo tipo i pizzoccheri, o i cannelloni, o uno sformato di miglio gratinato…
http://straightedgefam.blogspot.it/2011/07/cannelloni.html
http://straightedgefam.blogspot.it/2012/11/pizzoccheri.html
http://straightedgefam.blogspot.it/2012/09/sformatini-di-miglio-e-verdure-colorate.html
Per i secondi: perché non render le lenticchie da semplice accompagnamento a piatto forte della serata?  Magari preparando un bel Polpettone di lenticchie che taglierete a fettine

magari accompagnato da contorni misti come purè di patate, zucca arrosto o spinaci saltati in padella.

Non farete mai mancare una bella insalata mista magari guarnita da chicchi di melograno che rinfresca i palati e alleggerisce le pance.
http://straightedgefam.blogspot.it/search/label/antipasti
http://straightedgefam.blogspot.it/2012/05/insalata-freschissima-e-un-invito.html

E concludiamo con i dolci: possiamo presentare una splendida torta Sacher, ben ricca di cioccolata e marmellata, fettine di salame dolce, e piccoli bicchierini di crema di pere nocciola e cioccolato.
Se qualcuno avesse ancora fame una bella macedonia di frutta di stagione concluderà splendidamente il vostro cenone, lasciando tutti  i commensali con la pancia piena e la coscienza a posto!
Vi auguriamo di cominciare l’anno con gioia e speranza.

Discussion

One Response to “30/12/12 – Il cenone di fine anno”

  1. I miei ospiti, giustamente, si sono raccomandati di non ripetere l’esperienza dell’anno passato, quando a causa dell’eccesso di legumi e crucifere, avrebbero potuto tornare a casa in monopattino senza sforzo, a reazione ;-)) Dunque addio hummus di piselli, vellutata di broccoli, cecina alle verdure, crauti e verza ripiena di impasto di riso e lenticchie… Niente salse rosse di pomodoro, che non piacciono né a me né ai miei ospiti.
    Allora vediamo:
    – come antipasto crostini alla crema di carciofi; arachidi;
    – come primo vellutata d’asparagi con riso basmati;
    – come secondo proteico SENZA LEGUMI che faccio? Se proprongo medaglioni di seitan, temo che li utilizzino a mo’ di frisbee 8-((
    – contorno di radicchio, zucchina à la julienne, cetrioli fermentati, capperi sott’aceto, noci frammentate, condito con olio spagnolo cultivar Picual, economicissimo e snobbato dagli italiani, adattissimo alla ricetta per l’odore acre e per l’assenza di retrogusto amaro;
    – come dessert insalata d’arance e finocchi, senza sale, senza pinoli né uvette, che la rendono stucchevole e appiccicaticcia; l’olio rigorosamente di girasole BIO di spremitura meccanica

    Posted by Paolo | 31 dicembre 2012, 17:51

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close