Approfondimenti

25/11/12 – Le (poche) idee di chi propone un “Premio Hitler” per gli animalisti

 

Federfauna ha deciso di isituire un premio intitolato ad Adolf Hitler da attribuire a personalità di spicco dell’animalismo. E’ la notizia diffusa dalle agenzie di stampa qualche giorno fa, con un misto di scandalo e di strizzatina d’occhio.

L’accostamento di chi difende gli animali a chi ha portato alle più estreme conseguenze le dottrine razziste e superomiste – con lo sterminio di milioni di ebrei, rom e oppositori politici, per non parlare dell’ecatombe dlela seconda guerra mondiale – a dire il vero non è una novità, ma l’idea di intitolare addirittura un premio al fuhrer del nazismo non era ancora venuta a nessuno e tanto basta a guadagnarsi un lancio di agenzie e un po’ di da parte di qualche giornale o di qualche sito Internet.

 

A niente di più del resto poteva ambire Federfauna e per rendersene conto basta leggere in che modo è stata presentata l’iniziativa e compiere una rapida verifica su questa organizzazione. Adolf Hitler, dice Federafauna, era vegetariano, promosse leggi di tutela degli animali ma sappiamo che cosa fece agli uomini, quindi l’accostamento fra nazismo e animalismo sarebbe un modo per – citiamo da un comunicato – “creare cultura attorno al settore degli animalisti” e avviare “uno scambio di idee”.

 

Se pensiamo che Federfauna ha come presidente onorario Moira Orfei ed è una piccola organizzazione che passa di provocazione in provocazione per difendere chi alleva e sopprime animali su scala industriale, chi li uccide per divertimento e chi li usa negli spettacoli, verrebbe da dire: taciamo e passiamo oltre.

 

E invece ne stiamo parlando perché l’iniziativa di Federfauna è una buona notizia: mostra con la sua modestia morale e politica quanto sia in difficoltà, sul piano culturale e della comunicazione, chi tenta di contrastare la diffusione della prospettiva animalista nella società.

La caccia e i circhi, in particolare, paiono ai più retaggi crudeli del passato, privi d’ogni ragion d’essere di fronte a una sensibilità ambientalista e animalista che finalmente comincia a farsi largo.

La strada verso la liberazione animale è ancora lunga ma il patetico accostamento a Hitler dimostra quanto la storia nobile e anticipatrice del vegetarismo e dell’animalismo, che affonda le sue radici nell’antichità, faccia soffrire gli attuali paladini di pratiche violente e crudeli superate dalla storia.

 

 

Discussion

One Response to “25/11/12 – Le (poche) idee di chi propone un “Premio Hitler” per gli animalisti”

  1. Reblogged this on BarneyPanofsky and commented:
    Mi pare giusto diffondere anche la visione degli animatori del blog “Restiamo Animali”, che poi sono i radioconduttori dell’omonima trasmissione in onda tutte le domeniche dalle 12 alle 12,30 su Controradio (circuito RadioPopolare). Che poi tra i conduttori ci sia il fratello di Mrs. Panofsky, e’ un caso 🙂

    Barney

    Posted by Barney Panofsky | 25 novembre 2012, 20:25

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close