Il pasto gentile

5/7/19 – Fricassea

Si possono cucinare piatti tradizionali utilizzando solamente ingredienti vegetali? La risposta è si, certamente! La nostra cucina regionale, quella che ha le sue radici nei piatti poveri dei contadini, offre già tantissime ricette a base vegetale. Ma ce ne sono altre che con pochi accorgimenti possiamo riscoprire e “liberare” dalla crudeltà.

La ricetta della “Fricassea”, che solitamente prevede coniglio o pollo ne è la riprova.

Fricassea

Ingredienti per 4 persone:

200 gr di istant seitan

100 gr di farina di ceci

300 ml di acqua

1 carota

1 cipolla bianca

1 costola di sedano

La scorza e il succo di un limone

1 bicchiere di vino bianco

1 rametto di rosmarino

40 gr di farina

2 cucchiai di farina di ceci

100 ml di latte di soia non dolcificato ne aromatizzato

Un pizzico di Sale kala namak

Un pizzico di curcuma in polvere

Pepe

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Un mazzetto di prezzemolo

———————————————————-

Per prima cosa preparate la base proteica del piatto. Mescolate la farina di glutine, o instant seitan assieme alla farina di ceci. Aggiungete un pizzico di sale e, mescolando, l’acqua a temperatura ambiente, assieme ad un cucchiaio di olio extravergine. Lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi fare riposare per 15 minuti.

A questo punto realizzate tanti piccoli bocconcini che farete cuocere per 20 minuti in un brodo vegetale, con una scorza di limone. Lasciate raffreddare nel brodo di cottura e successivamente, scolate e fate marinare per 2 ore nel vino bianco col rametto di rosmarino.

A parte lavate e tagliate a pezzi grossolani la carota il sedano, la cipolla.

Mettete il tutto in un tegame assieme ad un mezzo bicchiere di acqua. Quando il liquido sarà completamente evaporato aggiungete due cucchiai di olio extravergine d’oliva e fate rosolare per cinque minuti. Aggiungete i bocconcini che avrete scolato dalla marinatura e lasciate cuocere lentamente per altri dieci minuti. Bagnate col vino della marinatura e lasciate evaporare.

Nel frattempo sciogliete la farina di ceci con il latte di soia, il succo di limone e un pizzico di sale kala namak, lavorate fino ad ottenere una crema liscia e lasciate riposare.

Separate le verdure dai bocconcini e frullatele con del brodo vegetale fino ad ottenere una quantità di circa 500 gr.

Fate un roux con due cucchiai di olio extravergine e la farina, unite la crema di verdure e lasciate addensare.

Quando avrà raggiunto la densità di una besciamella morbida, aggiungete la pastella di farina di ceci e limone. Aggiungete i bocconcini e mettete sul fuoco per altri 5 minuti, aggiustando di sale e una generosa macinata di pepe nero.

Servite con prezzemolo fresco tritato finemente.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close