Comunicati

Dopo i cinghiali, ecco la guerra ai lupi

Dopo i cinghiali, un nuovo nemico da eliminare

Toscana, anche i lupi nel mirino

E la Regione Toscana ha già pronte le proprie osservazioni 

Dopo i cinghiali, toccherà ai lupi. La Regione Toscana prosegue la sua guerra contro gli animali selvatici e la natura, annunciando proprie osservazioni per ampliare il Piano nazionale sulla “gestione” del lupo.

lupiNella bozza di piano presentata oggi si interrompe di fatto la tutela del lupo, prevedendo possibili deroghe e “prelievi”, ovvero abbattimenti di un animale protetto in tutta Europa.

La solerzia della Regione è indicativa di una mentalità e di una cultura molto lontane dagli ideali di convivenza e di rispetto per la dignità delle vite altrui che oggi dovrebbero guidare l’azione di chi gestisce la cosa pubblica.

 

IL TAVOLO MINISTERIALE HA DECISO: IL LUPO NON E’ PIU’ PROTETTO A PRIORI.
(ANSA) – ROMA, 17 FEB – Il piano di conservazione e gestione del lupo non prevede un abbattimento a priori, ne’ e’ previsto per i cani randagi. Lo ribadisce il ministero dell’Ambiente in una nota dopo la riunione del Comitato biodiversita’ che ha esaminato il Piano. Il Piano “nella versione oggi al vaglio non prevede autorizzazioni a priori all’abbattimento di lupi, ma la possibilita’ di attivare deroghe per il loro prelievo nell’ambito del quadro comunitario di riferimento, disposte caso per caso e con precise condizioni riportate nel Piano che rendono il sistema italiano tra i piu’ stringenti a livello europeo. Non e’ prevista in alcun modo la possibilita’ di abbattimento di cani randagi, ma azioni di migliore attuazione della legge 281/91 che regola la materia”. L’organismo di governance della strategia nazionale della biodiversita’, al quale siedono le amministrazioni centrali e le Regioni – si legge nella nota – ha condiviso la necessita’ di aggiornare un documento risalente al 2002 e approfondito tutti gli aspetti del nuovo Piano: ora il testo sara’ oggetto di osservazioni da parte delle Regioni, per proseguire poi il suo iter in tempi rapidi e definiti”. “Il Piano, redatto con il contributo dei massimi esperti in materia e oggetto di un ampio confronto con i soggetti istituzionali interessati – spiega il ministero – individua 21 azioni per migliorare lo stato di conservazione della specie attraverso un’azione congiunta tra Stato e Regioni, avendo come punti fermi le esigenze di pacifica convivenza uomo-lupo e il contrasto al bracconaggio”.(ANSA

 

Discussion

One Response to “Dopo i cinghiali, ecco la guerra ai lupi”

  1. STO GUARDENDO in questo momento,in Francia un documentario sulla reitegrazione dei lupi che era in via di sparizione,qui chi ammazza un lupo va in carcere ,sono severissimi!!!!sopratutto nelle AlPI,,,,,ITALIANI NON LASCIATEVI INGANNARE DALLE BALLE DI QUESTI VOSTRI ADMINISTRATORI;;;;I LUPI SONO PROTETTI E COME!!!!!!METTETELI SOTTO IL NASO LE LEGGI EUROPEE!!!!!!
    isabelle Demoustier (in questo momento in Francia)

    Posted by isabelle demoustier | 18 febbraio 2016, 19:44

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close