Animal House

22/6/14 – Hunt Saboteurs: in prima linea contro la caccia

Alla fiera animalista antispecista e vegan “VEG IN ROME” che si è tenuta dal 13 al 15 giugno 2014 a Roma,  la relazione che ci ha maggiormente colpiti è stata quella degli HUNT SABOTEURS. Questi coraggiosi uomini e donne inglesi combattono la caccia con entusiasmo e perseveranza in modo molto semplice: sabotandola.
Escono sul campo e disturbano le operazioni grazie all’utilizzo degli stessi strumenti dei cacciatori: impartendo ordini ai cani e suonando il corno da caccia, tutto in controtempo e da lati opposti, in modo da mandare in confusione cacciatori e cani.
Gli Hunt Saboteurs sono circa 1000 persone in UK ma desiderano uscire dai confini nazionali e creare un global network, per questo erano a Roma: oltre a vendere magliette e felpe come forma di autofinanziamento infatti, gli HUNT SABS sono venuti in Italia per mostrare quello che sanno fare e per stabilire alleanze nella speranza di confederare tutti i gruppi di attivisti contro la caccia.
Manc-sabs-following-huntLa loro proposta è andare in UK per vivere insieme a loro alcuni giorni in modo da imparare la tecnica di boicottaggio e disturbo che hanno affinato in cinquant’anni di attività. “Potete scriverci e dirci in che periodo siete disponibili. I periodi migliori sono da novembre a febbraio, in quel periodo noi usciamo sul campo tutti i giorni. Serve correre, ma anche guidare, leggere le mappe, insomma di lavoro ce n’è per tutti. Si mangia vegano e se volete venire con i vostri cani questi saranno i benvenuti”.
Sono donne e uomini, giovani e non, tutti molto determinati anche perché rischiano pene abbastanza pesanti, la più tosta è perdere il posto di lavoro.
Dopo avere ammirato la loro relazione ho avvicinato ALF MOON. Insegnante di educazione fisica, bicipiti pronunciati, capelli lunghi raccolti in un codino, pantaloni mimetici e anfibi ai piedi. Alf Noon ha avuto il ruolo di runner, colui che segue di corsa i cavalli, e lo ha svolto per anni prima di “avanzare” e diventare quello che è oggi ovvero un grande stratega. Se non fosse un animalista anarchico e nonviolento forse un tipo come lui sarebbe diventato il generale di un esercito.
“A volte ho due soli uomini –  dice – e con queste scarse risorse devo fermare una battuta di caccia. Occorre tanta strategia, lucidità, elasticità,  un po’ di attrezzatura e naturalmente  un buon allenamento fisico   perché c’è anche da correre su ogni tipo di terreno. Ma spesso ce la facciamo”.
Per contattare Alf Moon info@huntsabs.org.uk
Per contattare gli HUNT SABOTEURS INGLESI
http://www.huntsabs.org.uk/
Questo il sito internet del Network internazionale
http://www.hsgn.org

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close