Il pasto sgarbato

16/11/14 – La gara di “torte gentili” secondo Alessandra Giannini

AlaEcco come Alessandra Giannini, membro della giuria e autrice del blog  di alta cucina vegan http://www.officinavegana.it/ racconta la gara di torte avvenuta a Settignano durante la due giorni del primo e 2 novembre

 

 

————————–

La torta è da sempre una delle più dolci espressioni di affetto che vengono manifestate a tavola.

Se la torta poi è anche “cruelty free”, l’amore dimostrato è addirittura maggiore perché è esteso anche agli animali e all’ambiente. Far parte della giuria della gara delle “torte gentili” durante l’International Vegan Day  che si è svolto domenica 2 Novembre presso la Casa del Popolo di Settignano, è stata un’esperienza divertente, istruttiva e gratificante.

 

 

Averla condivisa con due mostri sacri come Riccardo Gualtieri, pasticcere da tre generazioni che ha veganizzato di tutto, e Gabriele Palloni, vegan chef a domicilio dalla forte “toscanità” espressa nei suoi piatti, è stato davvero emozionante. Ci siamo trovati molto in sintonia e abbiamo trascorso un pomeriggio di assaggi davvero piacevole.

 

DSC04104 (1)La magica alchimia dell’interazione tra vari ingredienti ha dato vita a bellissime, golose e originali creazioni, alcune anche parecchio bizzarre… Castagne incastonate in strutturatissimi castelli di pasta frolla, bucce di mele caramellate ad arricchire preziosi tartufi, Sacher rivisitate à la mode, pie dai sapori anglosassoni di cioccolato e menta, esotici cheesecake di tofu e gusti tropicali, tradizionali connubi di cioccolato e pere, torte a scacchi create unendo due ricette apparentemente improbabili, ciambelloni che ricordano le ghirlande appese alle porte nei giorni di festa, e torte di mele e spezie che strizzano l’occhio al Natale.

 

Erano tutte particolari e tutte buone, ma purtroppo la giuria ha dovuto fare delle scelte ed è per questo che abbiamo dato vita a dei premi per delle caratteristiche specifiche: estetica, gusto, torta da colazione, originalità e la categoria “buona, ma servono dei piccoli accorgimenti”.

 

I vincitori hanno estratto a sorte i premi messi gentilmente a disposizione dagli sponsor: 1 kg di pasta fresca vegan, metà della quale ripiena, del pastificio artigianale “Sfoglia d’Autore”, una cena per due persone presso la creperie/bistro “Crepapelle”, una cena per due persone presso la pizzeria “Sciué Sciué”, un millefoglie vegan al ribes della “Pasticceria Gualtieri” e infine una cena per due persone presso il ristorante “Le Fate e le Stelle”.

DSC04126 (1)Se nel mondo onnivoro fare una torta è una cosa relativamente semplice, nel mondo vegan servono alcuni trucchetti, occorre sapere che tipicamente i tempi di cottura saranno più lunghi, che gli ingredienti secchi andranno uniti soltanto “all’ultimo” a quelli umidi, che il cacao mescolato a pochissimo aceto di mele avrà un effetto “vulcano” sul sollevamento della torta, che le uova si possono sostituire con delle miscele di amidi o con una gelatina di semi di lino (che ne aumenterà anche il contenuto di fibre) e molto altro.

 

Non occorre avere la presunzione di uno chef stellato, ma soltanto un po’ di amore. Le torte in gara oltre a essere belle e buone per il palato, sono state degli esperimenti di bontà nei confronti di chi è quotidianamente sfruttato per il suo latte o per le sue uova.

 

Nella speranza che questo sentimento sia contagioso, posso solo ringraziare i vegan-pasticceri che hanno partecipato alla sfida della “torta gentile”, sperando di avere presto le loro fantastiche ricette. Signore e signori, è stato un onore.

 

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close