Segnalazioni

La Menarini rinuncia ai beagle. Venerdì 15 si parla di metodi sostitutivi a Firenze e Prato

beaglesLa decisione dell’azienda Menarini, assediata da gruppi animalisti, di rinunciare agli otto cani beagle acquistati per svolgere un test di tossicità (e dichiarati disponibili per adozioni private), è una tappa importante nella lotta contro la vivisezione. L’azienda, in un comunicato, ha detto di avere rinunciato agli otto cani per “stemperare il clima di tensione con le associazioni animaliste che rischia di degenerare” e ha messo in campo la vera questione, ossia il fatto che i test su animali sono obbligatori per legge.

La Menarini dice di auspicare che “che vengano individuati dalle autorità preposte test sostitutivi dell’obbligo di sperimentazione animale. RTC (il centro di ricerca della Menarini) sarebbe la prima ad adottarli. Attualmente, purtroppo, ciò non è però consentito. Pertanto, solleviamo con forza la necessità di una presa di coscienza determinata ed univoca che indichi quale futuro avrà la ricerca in Italia.”

I gruppi animalisti che si sono impegnati a Pomezia hanno chiesto un incontro all’azienda per  esaminare insieme i test alternativi disponibili: esistono ed è quindi venuto il momento di aprire il varco che la clamorosa decisione dell’azienda ha creato.

Per la lotta alla vivisezione è un momento importante, con la discussione in merito al recepimento della (brutta) direttiva europea sulla vivisezione ancora in attesa di completare l’iter parlamentare.

LOCANDINA – Firenze, 15 marzo 2013

Per discutere e approfondire questi temi ci sono due appuntamenti importanti il prossimo venerdì 15 marzo.

Al mattino a Firenze, organizzato in prima persona dalla nostra Valentina Reggioli, all’ospedale di Careggi (Aula 7, Padiglione 3, ore 12,30) si terrà un incontro dal titolo “Metodi alternativi e sostitutivi alla sperimentazione sugli animali. Per una ricerca al passo con i tempi”. Di primissimo piano i relatori: Massimo Tettamanti, Candida Nastrucci, Costanza Rovida. E’ importamnte notare che il convegno si tiene in ambito ospedaliero-universitario, in una struttura che possiede uno stabulario dove sono imprigionati animali destinati alla sperimentazione.

Sempre venerdì 15 a Prato alla libreria Sopratuttolibri in corso Mazzoni 27 dalle ore 19 (aperitivo vegan seguito alle 21,30 dalla conferenza) Massimo Tettamanti e Candida Nastrucci terranno una conferenza su “I metodi sostitutivi alla sperimentazione animale”. L’incontro è organizzato  dal Comitato animalista pratese.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close