Approfondimenti, Comunicati

Caccia alla volpe a Siena, un orrore e un regalo ai cacciatori

Cani addestrati alla caccia che scavano nelle tane, che trascinano fuori e sbranano i cuccioli; poi tocca agli adulti che escono allo scoperto e trovano i fucili puntati per la più vile e spietata delle esecuzioni: questo e non altro è la “caccia alla volpe in tana” autorizzata dalla Provincia di Siena per il periodo che va dal primo aprile al 31 luglio. Un orrore e un regalo alle associazioni dei cacciatori che ottengono così un supplemento di stagione venatoria.

Tutto naturalmente avviene nel pieno rispetto della legge e secondo quelli che le associazioni venatorie e i decisori politici loro amici reputano “criteri scientifici”. Non la chiamano caccia, omettono di descriverne la vera natura, evitano di far intuire quanto sia barbara e cinica questa pratica, e la definiscono orwellianamente “attività di controllo” della fauna selvatica.

Da tempo i cacciatori, sempre più invisi al resto della popolazione, ma fortemente protetti da poteri politici amici, cercano di legittimarsi in chiave ambientalista (la retorica del cacciatore che conosce e tutela il bosco) arrivando cinicamente a parlare di “Fauna bene comune”, dove la fauna è privata di ogni dignità, ridotta a oggetto di un’attività che produce esclusivamente morte.

La Provincia di Siena argomenta che la caccia alle volpi – pardon, “l’attività di controllo” – serve a tutelare altri animali, prede naturali della volpe, come lepri e fagiani, ma non c’è niente di scientifico, di naturale e di accettabile in questa motivazione. Studi condotti dall’Università di Trieste dimostrano che l’uccisione di volpi non incide sulla dinamica di popolazione delle lepri. Ed è altrettanto noto che la popolazione di volpi nel territorio non supera mai la soglia di 1 o 1,5 individui per chilometro quadrato e che la loro diffusione, se davvero documentata, può essere eventualmente limitata senza uccidere nessuno ma agendo sulle disponibilità di cibo negli ecosistemi (ad esempio bloccando l’accesso a discariche, spesso fonti privilegiate di cibo).

foto_volpi_7001E’ semmai la caccia a turbare ogni equilibrio ecologico naturale con i suoi artificiali ripopolamenti sottratti ai ritmi naturali e dalla messa in natura di una massa di animali incapaci di difendersi e di salvarsi dalle doppiette dei cacciatori, uomini armati che non hanno alcun rispetto per la fauna, che per loro è mera “materia prima” per i loro giochi di morte.

Siamo scandalizzati dalla facilità con la quale gli enti locali si dimostrano disposti a sacrificare la dignità degli animali alle aspettative dei cacciatori; siamo offesi dall’indifferenza che dimostrano per la vita degli animali selvatici, preziosa presenza nella nostra società soffocata da asfalto e cemento.

Dovremmo aver cura di queste creature e dell’ambiente che le accoglie, con metodi rispettosi della loro dignità e della loro vita, escludendo ogni coinvolgimento di chi ha eletto a proprio divertimento la soppressione di vite animali.

Restiamo animali si unisce alle proteste in corso contro la decisione della Provincia di Siena e parteciperà al presidio di sabato 30 marzo.

Discussion

One Response to “Caccia alla volpe a Siena, un orrore e un regalo ai cacciatori”

  1. bisogna vedere se ve lo lasceremo fare

    Posted by diecimici | 27 Marzo 2013, 15:36

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri