Animal House

8/8/13 – La storia di Paolino, piccione domestico

Era un classico, quando ero piccola, che i genitori comprassero ai bambini il mais che veniva venduto da appositi venditori ambulanti, affiché i bambini potessero offrirlo ai piccioni, che ne sono golosi.

Quando non è più un bambino però, l’homo sapiens sapiens,  menziona questo animale quasi unicamente in senso denigratorio:  i piccioni sporcano, portano malattie, sono troppi, vanno scacciati e uccisi fino alla creazione di autentiche ossessioni e isterie da caccia alle streghe.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La realtà è che i piccioni sono animali domesticati dall’uomo che, come al solito, è intervenuto pesantemente per selezionare le caratteristiche che potevano essergli utili.

Il risultato di questo lavoro sono stati: 1) i piccioni viaggiatori; 2) numerose razze ornamentali; 3) le tipologie nefastamente chiamate “piccioni da carne”.

Da tutti questi animali, largamente manipolati dall’uomo, discendono i piccioni semi-selvatici, diffusi sia in Italia che all’estero, che conosciamo.
Il piccione, COLUMBA LIVIA, è una specie non migratrice, capace di orientarsi egregiamente e con una capacità di volo impressionante:  in condizioni ottimali può percorrere anche 800 km ad una media di 70 km/h per ritornare alla colombaia o piccionaia di origine a cui rimane legato per tutta la vita.

 

QUI UN FILMATO DI PAOLINO

 

Parliamo di Piccioni per via di un episodio accaduto qualche settimana fa a me e Lorenzo,  ma che potrebbe accadere a chiunque, se i nostri sguardi fossero un po’ meno distratti. La nostra vicina, Paola, ha trovato un piccioncino giovane incapace di volare  caduto dal nido era appoggiato su un’auto in procinto di partire e se lei non lo avesse visto e salvato sarebbe sicuramente caduto e prematuramente morto, investito, prima ancora di avere imparato a volare.
Ce lo ha consegnato sapendo che non lo avremmo abbandonato e noi, non sapendo come comportarci abbiamo portato Paolino (questo è il suo nome anche se non sappiamo se sia maschioo femmina) da un’esperta la quale lo ha trovato denutrito e disidratato. Ci ha subito detto che c’erano poche possibilità che sopravvivesse e che l’unica cosa da fare era imboccarlo metodicamente aprendogli delicatamente il becco dadogli semini di cereali e legumi come prescritto. Per bere, con una siringa da insulina
gli dovevamo dare acqua e certe vitamine speciali. In fondo non era troppo difficile.

A casa gli abbiamo dedicato una stanza dato che abbiamo molti gatti e la porta è sempre rimasta chiusa.
Lui è cresciuto rapidamente e una sera rientrando in casa non lo abbiamo più trovato. Ovviamente eravamo tristi perché non sapevamo se ce l’avesse fatta o se i gatti nostri o del vicinato lo avessero ucciso.
Poi il giorno dopo la grande sorpresa: Paolino, è tornato a fine mattinata e continua a farlo, giorno dopo giorno, trascorrendo nella sua stanza che per lui è la sua piccionaia, le ore più calde della giornata accoccolato su un tappetino, oppure su un bracciolo del divano tutto debitamente coperto da lenzuola e fogli di giornale.

E’ stata una grande soddisfazione avere aiutato un piccione a crescere, vedere che mangia dalle nostre mani, vedere che non ha troppa paura di noi e che si lascia avvicinare. Il nostro sguardo verso i piccioni è cambiato, ci sembrano più familiari.

Se vi capitasse di notare un pugno di penne scure incapace di volare, se potete, non giratevi dall’altra parte.

Camilla Lattanzi

Discussion

One Response to “8/8/13 – La storia di Paolino, piccione domestico”

  1. amano l’acqua, farsi il bagno e lisciarsi le penne, come tutti i volatili, cm tutti noi. hanno un’Anima. e non dimentichiamoci che sono uguali ai colombi bianchi, quelli della ‘pace’. ma i colori, a questo mondo, hanno ancora troppa importanza.

    Posted by ILAVEG | 19 agosto 2013, 09:32

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close