Animal House

L”inutile e diseducativo delfinario di Genova

Nei giorni scorsi a Genova è stato inaugurato in pompa magna il nuovo delfinario, una struttura costosissima disegnata dall’archistar Renzo Piano per la quale sono stati spesi ben 26 milioni di euro. Il nome ufficiale è “padiglione dei cetacei” e come sempre avviene in questi casi la copertura ideologica dell’operazione ha un contenuto scientifico. Si dice che la vasca di vetro ferro e cemento riproduce l’ambiente naturale e che il Padiglione dei cetacei – come pudicamente viene definito ufficialmente il delfinario – permette di osservare e conoscere da vicino gli animali che vi scontano in realtà l’ergastolo.

delfinarioAlle eventuali obiezioni sulla prigionia inflitta ai sei delfini, si risponde spiegando che sono tutti animali che già si trovavano in cattività o che sono nati da genitori già detenuti in altre vasche. Il “Padiglione dei cetacei”, che può sembrare grande allo sguardo umano (sono 4 vasche profonde fino a sette metri), ovviamente non è altro che un luogo di reclusione per animali capaci di spingersi fino a 800 metri di profondità e di nuotare in mare aperto per chilometri. Se la discussione fosse meno ipocrita e più rispettosa per la vita altrui, anche il sindaco di Genova Doria, che ha inaugurato la struttura, o gli artisti ingaggiati per promuoverla, come Geppi Cucciari e la Premiata Forneria Marconi, per non parlare del progettista Renzo Piano, si chiederebbero qual è il reale valore educativo di una struttura così antiquata, che riflette una mentalità ottocentesca, con gli animali prigionieri esibiti con un orgoglio e una leggerezza da impresa coloniale. Perché non si dice che la conoscenza della vita animale oggi è possibile attraverso filmati, fotografie, documentari? Che cosa può apprendere di positivo una persona visitando spensierata un luogo di reclusione?

Delfinari e luoghi simili sono un residuo di un’epoca da dimenticare, totalmente irrispettosa degli animali non umani. I delfini oggi in cattività dovrebbero essere reimmessi in natura – ove possibile, valutando le caratteristiche di ciascuno – e la loro riproduzione evitata: l’idea che il fatto di avere figli migliori la vita dei prigionieri è solo un alibi per non fermare la triste e macabra industria dell’esibizione degli animali “selvatici”.

La Lav ha contestato il delfinario di Genova con un esposto alla Corte dei conti per i 26 milioni di denaro pubblico speso nella struttura, promuovendo uno spot “Sos delfini” firmato da Licia Colò e Giorgio Panariello e facendo sorvolare l’area del porto di Genova, durante il varo del delfinario, da un piccolo areeo che trascinava uno striscione lungo sei metri con la scritta “Liberiamo i delfini”. Speriamo che sia l’inizio di una mobilitazione che si ponga l’obiettivo di mettere finalmente fuori legge simili strutture e con esse, ovviamente, tutti gli zoo. E’ un obiettivo raggiungibile, nonostante la brutta pagina scritta dalla città di Genova.

Discussion

One Response to “L”inutile e diseducativo delfinario di Genova”

  1. In un Paese dove il sovraffollamento delle carceri ha raggiunto livelli inquietanti e disumani, parlare di nuovi delfinari mi pare coerente.
    Tristemente coerente….

    Posted by stefanosaldarelli | 1 agosto 2013, 12:35

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close