Speciale Estate

1/07/2012 – I cani ucraini e la vergogna degli Europei: voci dal presidio

I campionati europei di calcio si sono conclusi e ancora una volta un grande evento sportivo, anziché essere occasione per affermare diritti e giustizia, si è trasformato in un momento di propaganda e di legittimazione internazionale per un regime che non ha esitato a compiacere l’Uefa sterminando migliaia di cani randagi per “ripulire” le strade delle principali città.

Anche il caso di Julia Timoshenko, l’ex premier imprigionata poco dopo avere perso le elezioni presidenziali, non è bastato per indurre i governi europei a fare pressioni su Kiev e boicottare la partita finale. Il premier spagnolo Mariano Rajoy e quello italiano Mario Monti hanno assistito al match dalla tribuna, tradendo la promessa di diserzione fatta dall’Unione europea alla vigilia degli Europei.

La sera del primo luglio, durante la finale Spagna-Italia, un gruppo di attivisti antispecisti ha organizzato un presidio in piazza dei Ciompi a Firenze. Qui si può ascoltare il nostro servizio.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close