Varie

30/08/2012 – C.s. dell’on. Zanoni sul bracconaggio a Cipro

Comunicato stampa del 13 agosto 2012

Bracconaggio a Cipro, l’Ue fermi il massacro

L’Onorevole Andrea Zanoni (IdV) ha presentato un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea per chiedere di far rispettare la Direttiva “Uccelli” alle autorità cipriote. «Sull’isola si sta assistendo a una strage tollerata dalla Repubblica, nonostante le continue denunce delle associazioni animaliste locali».  «Secondo le stime dell’associazione BirdLife Cipro, nel 2010 sono stati uccisi dai bracconieri 2 milioni 418 mila uccelli». Andrea Zanoni, Europarlamentare IdV e vice presidente dell’intergruppo Benessere degli Animali al Parlamento Europeo, ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea per chiedere quali azioni la Commissione intenda intraprendere per garantire il rispetto della Direttiva 2009/147/CE “Uccelli” affinché Cipro rispetti e applichi la normativa. A maggio scorso, l’Onorevole Zanoni ha constatato di persona, recandosi sull’isola, l’uso illegale dei cosiddetti limestick, bastoncini ricoperti di vischio nascosti tra gli alberi e utilizzati per catturare e uccidere gli uccelli migratori che vi si posano. Si tratta di una pratica assolutamente vietata dalla Direttiva “Uccelli”, poiché è un metodo di cattura non selettivo che fa strage di volatili di qualsiasi specie, anche rarissima. «Siamo di fronte ad un fenomeno di bracconaggio tollerato dal Governo cipriota – ha sottolineato l’Eurodeputato IdV Zanoni-. Le autorità dell’isola non hanno approntato alcuna strategia per fermare i bracconieri: l’ente di vigilanza è sotto dotato e, nei periodi di migrazione, alle guardie sono affidate mansioni al di fuori delle aree di uccellagione. Senza dimenticare che a Cipro, oltre ai limestick, si utilizzano reti da uccellagione e richiami elettroacustici vietati dalla Direttiva “Uccelli”». Il CABS (Committee Against Bird Slaughter) con l’associazione Friends of the Earth Cyprus in primavera e autunno conducono campi anti-bracconaggio, soprattutto nella parte orientale dell’isola tra Larnaca e Famagosta, zona di transito di moltissimi uccelli migratori. Dal dossier redatto dal CABS nell’autunno 2011, in due settimane sono stati rinvenuti 3 mila 817 limestick, 464 in più rispetto alla primavera dello stesso anno e addirittura 2 mila 883 in più rispetto al 2010. «I numeri sono allarmanti e dimostrano un fenomeno destinato a peggiorare -ha concluso Zanoni-. Gli uccelli uccisi finiscono illegalmente nel mercato gastronomico per essere venduti a caro prezzo, un business stimato attorno ai 15 milioni di euro annui. L’Europa deve intervenire e fermare la strage».

www.andreazanoni.it

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close