Speciale Estate, Varie

13/9/2012 – Incontro per la Liberazione animale a Stupinigi (To)

INCONTRO PER LA LIBERAZIONE ANIMALE A STUPINIGI, TORINO

A Stupinigi (Torino) dal 31 Agosto al 2 Settembre scorso si è svolto l’Incontro per la Liberazione animale, con la partecipazione di attivisti di tutt’Italia. Qui il programma http://incontroliberazioneanimale.org/programma
La questione antispecista è stata affrontata sotto molteplici punti di vista. Ecco una carrellata delle tematiche affrontate.
TEMA POLITICO
Dal punto di vista politico è stato evidenziato come l’antispecismo sia da sempre bersaglio d’infiltrazioni da parte di frange politicizzate che intendono sfruttarne le potenzialità, ultima in ordine di tempo quella di associazioni, gruppi e collettivi appartenenti all’area fascista, neofascista e più in generale della destra italiana.

TEMA POLITICO / FILOSOFICO
Sono state poste domande di spessore come per esempio se sia possibile pensare alla fine dell’abuso umano sugli altri animali senza mettere in discussione la struttura stessa della nostra società. E ci si è chiesti in che senso la lotta per i diritti animali, che è il tipo di animalismo più diffuso, resta pericolosamente al confine con lo specismo e l’antropocentrismo, ribadendo che i due semplici e fondamentali principi dell’antispecismo sono i seguenti:
1) considerare tutti gli animali uguali
2) desiderare per tutti la libertà

TEMA METODOLOGICO
C’è stata anche un’attenzione speciale al metodo di lavoro. Si è cercato infatti di creare occasioni di incontro e dialogo tra realtà e attivisti diversi attraverso varie metodologie. Una di queste è stata l’Activist speed dating’ ovvero una serie di ‘appuntamenti veloci’ di pochi minuti con altri attivisti in cui esporre velocemente le proprie idee e cercare di trarre spunti da quelle altrui, ma soprattutto per presentarsi e conoscersi. Un’altra tecnica utilizzata è stata quella di suddividere l’assemblea in piccoli sottogruppi all’interno dei quali anche persone meno estroverse riescono più agevolmente a prendere la parola.

LA CRIMINALIZZAZIONE DEL MOVIMENTO PER LA LIBERAZIONE ANIMALE
Altro tema centrale del convegno è stato il sostegno per gli attivisti criminalizzati. Con la testimonianza diretta di una delle attiviste accusate di una liberazione di 5000 visoni nella città di Barchem in Olanda, nel 2009, che affronterà insieme a 4 altre persone un processo in settembre, è stato fatto il punto sull’esigenza di elaborare strategie comuni efficaci per reagire agli attacchi contro il movimento nel futuro, e di rafforzare da subito il supporto legale e materiale per chi è vittima di criminalizzazione.

LEGISLAZIONE RIGUARDANTE GLI ANIMALI DA REDDITO
Egon Botteghi, dell’Ippoasi di Marina di Pisa, ha tenuto una relazione sulla legislazione sui cosiddetti “animali da reddito”. E’ una normativa che ostacola non poco i rifugi che ospitano animali liberati e che ricorda, per le sue rigidità e per il destino obbligato che prevede per mucche, cavalli, conigli, pecore, capre eccetera, la normativa sul cambiamento anagrafico di genere per le persone transessuali.

ANTISESSISMO E ALTRE LOTTE SOCIALI
L’antispecismo ha un forte collegamento alle lotte e alle pratiche antisessiste. Il linguaggio sessista e specista infatti tende a gerarchizzare per genere e specie ed entrambe tali gerarchie sono avversate dal pensiero antispecista. Su questo tema è stato proiettato il video di Breeze Harper dal titolo ‘Intersections: Black female slave vivisection, non-human animal experimentation, and the foundation of Western gynecology (sub. IT – durata 20 minuti circa)’, in versione sottotitolata.

SUPERAMENTO DEL VEGANISMO
Sono stati infine messi in luce alcuni aspetti dell’associazione veganismo-antispecismo. Essere vegani non significa necessariamente adottare uno stile di vita ecologico e quindi compatibile all’antispecismo. Il veganismo è dunque condizione necessaria ma non sufficiente per dirsi antispecisti. Il dibattito non può che portare a rimettere in discussione i nostri stili di vita e consumi, incrociando le riflessioni di chi da anni pratica un consumo critico e consapevole, che per essere tale non può che ridursi drasticamente all’essenziale.

Sicurezza informatica, soccorso agli animali rapaci, esperienze di salvataggio e di recupero sono stati altri temi affrontati e approfonditi in queste dense giornate di convegno

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close