Approfondimenti

Aspettando Caretta, una notte a Capalbio / Audioreportage

ASCOLTA L’AUDIOREPORTAGE

 

Il 21 luglio scorso, davanti al Campeggio di Capalbio, al confine fra Toscana e Lazio, due turisti svizzeri di prima mattina si sono trovati di fronte un esemplare di tartaruga Caretta Caretta. Stava tornando verso il mare, dal limite interno estremo della spiaggia, dove cioè si trovano le protezioni del campeggio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Che ci faceva lì la tartaruga? Probabilmente era uscita dal mare per deporre le uova, nonostante Capalbio si trovi ben più a nord delle zone di nidificazione consuete (Calabria, Sardegna, Sicilia, la costa nordafricana). L’evento eccezionale – sempre che la tartaruga abbia davvero deposto le uova – ha spinto Wwf e Legambiente a organizzare un presidio permanente, che tiene sotto controllo il nido (o il presunto nido) 24 ore su 24.

QUI LA WEBCAM

Le uova non si sono ancora schiuse e l’attesa continua. Abbiamo passato una notte sulla spiaggia. Ecco il nostro reportage.



 

 

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close