Il pasto gentile

25/5/14 – Frittelle di fiori di acacia

QUI SOTTO GABRIELE PALLONI SPIEGA LA RICETTA

 

Frittelle di fiori di acacia

 

Dosi per 4 persone:

 

fiori di acacia100 gr di fiori di acacia

100 gr di farina 00

50 gr di farina di grano saraceno

½ bicchiere di pasta madre

Un cucchiaio di olio evo

Poca scorza di arancia grattugiata

Sale

Olio per friggere

 

Pulite i fiori dal loro rametto e metteteli in un recipiente con acqua fredda.

 

A parte preparare una pastella con il lievito di pasta madre, le due farine, l’olio, la scorza di arancio e il sale. Amalgamare con acqua fredda fino ad ottenere un impasto cremoso non troppo sodo. Scolate i fiori dall’acqua e uniteli alla pastella. Friggete in olio ben caldo aiutandovi con due cucchiai per formare delle frittelle. Fate dorare bene, scolate dall’olio e servitele calde con un pizzico di sale in superficie.

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close