Puntate, Sostiene Vallauri

12/6/14 – Luigi Lombardi Vallauri sulle “pensatine” di Damien Hirst

hirst

Puntata numero 186 di giovedì 12 giugno 2014.

La presenza di un’opera di Damien Hirst – una pecora conservata con la formaldeide all’interno di una teca – ha stimolato una campagna di pressione di associazioni animaliste sugli organizzatori della rassegna Icastica, che si tiene ad Arezzo.

Hirst non è nuovo a contestazioni da parete dei gruppi animalisti, poiché spesso utilizza animali – spesso morti, a volte vivi – per le sue installazioni. La sua opera più famosa è probabilmente lo squalo in formaldeide: in quel caso l’animale fu appositamente catturato e ucciso (e un secondo fece la stessa fine quando il primo cominciò a deteriorarsi).

Hirst è fra i personaggi più quotati dell’arte contemporanea. Abbiamo parlato delle sue “opere”, dei limiti della libertà artistica rispetto alla dignità degli esseri viventi, con il professor Luigi Lombardi Vallauri. Il professore, in un passaggio, definisce le opere di Hirst delle “pensatine” o delle “trovatine”

QUI SOTTO IL PODCAST

 

Discussion

No comments yet.

Rispondi

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

PD = Proteine Disumane

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close