Comunicati

Perché Restiamo animali

“Questione di stili” ha lasciato qualcosa. Il programma, andato in onda per sette anni su Controradio, emittente toscana del network di Radio Popolare, la domenica mattina, con il suo viaggio nelle “buone pratiche del vivere quotidiano”, ha generato una sua evoluzione, “Restiamo animali”, che non ne ricalca forse i temi, ma ne riprende lo spirito. Il consumo critico c’entra ancora, perché quando parleremo di animali, lo faremo anche rispetto alle nostre scelte di vita (e di consumo).

Con questo nuovo programma ci proponiamo di esplorare, insieme agli ascoltatori, la possibilità di vivere in modo “cruelty free”, cioè senza infliggere sofferenza e morte agli altri animali. Abbiamo scelto il titolo “Restiamo animali” pensando a Vittorio Arrigoni e alle sue corrispondenze da Gaza, che si chiudevano sempre l’esortazione “Restiamo umani”. Siamo persuasi che il modo migliore per restare davvero umani sia quello di riconoscere la nostra animalità e di sviluppare un senso di rispetto e di solidarietà con le altre specie.

La nostra idea di riconoscimento dei diritti animali, non è legata solo alla nostra somiglianza con loro, ma soprattutto all’idea che possiamo accogliere e valorizzare la loro differenza. Le differenze, purtroppo, nella nostra società tendono a portare gerarchie e modelli di dominio: in questo spazio cercheremo di proporre le differenze come occasione di meraviglia, stupore e incontro. Cercheremo di conoscere più da vicino gli animali che solitamente finiscono nei nostri piatti e di mostrare che nel relazionarsi a noi umani non sono diversi dai nostri amati e protetti “animali d’affezione”.

Esploreremo una serie di alternative per la nostra vita quotidiana (e per quella degli altri animali), parleremo di ambiente e di antispecismo, di salute e medicina, di libri e di musica. Ci sarà un ampio spazio dedicato alla buona cucina “cruelty free”. Durante questo viaggio saremo accompagnati da un ricco parterre di pensatori, attivisti, cuochi, giuristi, medici.

La redazione è composta da Camilla Lattanzi, co-conduttrice della trasmissione “Questione di stili”; Giuseppe Coco, ospite saltuario della stessa trasmissione sui temi della cucina e medicina tibetana; Elisa Moretti, blogger ed ex voce di Radio Flash di Torino; Lorenzo Guadagnucci, giornalista e attivista per i diritti umani; Beatrice Montini, giornalista e co-fondatrice – assieme a Lorenzo – del progetto “Giornalisti contro il razzismo”.

Del ciclo “Questione di stili” cercheremo di conservare lo spirito ironico e leggero che lo caratterizzava, cosa a volte non semplice affrontando temi tanto delicati, che per gli altri animali sono questione di vita o di morte.

Nell’invitarvi all’ascolto, vi invitiamo a scriverci: critiche, proposte, suggerimenti sono più che ben accetti e ci serviranno per migliorare la qualità delle nostre trasmissioni. A questo scopo – e non solo – questo blog  verrà ospitato nella sezione “Quinto elemento” del sito internet di Controradio www.controradio.it

Restiamo animali!

Discussion

3 Responses to “Perché Restiamo animali”

  1. Evvivaaaaaaa… è una grande notizia!! Sono un’antispecista che ascolta sempre Controradio, ci voleva porprio un programma del genere 😀

    Posted by Alba | 29 Febbraio 2012, 16:48
    • Un’ottima iniziativa che contribuirà sicuramente ad allargare il cerchio delle persone sensibili al rapporto uomo-animali. Ma permettetemi una critica. A mio avviso la foto non rispecchia per niente il contenuto dell’articolo, specialmente quando si presenta un bambino con la sigaretta in bocca. Atteggiamento che ha sempre spinto nella direzione contraria: l’uomo può anche fare cose (fumare) che gli animali o le galline non potranno mai fare (per fortuna!). E poi, tutti sappiamo che il fumo crea dipendenza oltre aminacciare la salute sia direttamente che indirettamente. Figuriamoci a un bambino. Una pessima foto. Mi sono permesso di pubblicare sul mio blog solo l’articolo che condivido nel complesso. Non me la sento proprio di publbicizzare l’articolo nelle scuole così comè, con questa grossa contraddizione.
      Cordali saluti

      Posted by Gianluca Albertini | 4 Marzo 2012, 10:43
      • Ci dispiace che la foto abbia suscitato avversione, l’avevamo scelta perché ci pareva curiosa, paradossale, insomma uno scherzo. Ringraziamo comunque il nostro ascoltatore per l’annotazione.
        La Redazione

        Posted by Restiamo Animali | 6 Marzo 2012, 10:10

Rispondi

Lessico dell’Antropocene / rubrica di Francesco Panié

Che razza di bastardo / rubrica di Massimo Raviola

Parlando di animalità / rubrica di Francesco De Giorgio

Speriamo che sia vegan / Letture per bambini

Il Cineanimale secondo Emilio Maggio

C’era una volta il bel paesaggio toscano

L’appello “Toscana rossa… di sangue”

#salvaiselvatici Flash mob a Firenze 17/1/2016

L’ebook “Il vero volto della caccia”

Perché la caccia è fuori dalla storia

L’enciclica Laudato si’ secondo Luigi Lombardi Vallauri

Così parlò la locusta / Rubrica di Entomosofia a cura di Roberto Marchesini

Democrazia del cibo

VIAGGIO IN INDIA / di Luigi Lombardi Vallauri

Archivi

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close